Un consorzio per la qualità delle carni per tutelare i consumatori siciliani

14 marzo 2002
Un consorzio per la qualità delle carni tutelerà i produttori e i consumatori siciliani.

E' in fase di operatività un progetto sperimentale che prevede l'inserimento nel rumine di ogni animale di un microchip che consentirà un maggior controllo veterinario e l'individuazione del Dna.

Sarà dunque, nei fatti, un ulteriore marchio per riconoscere e ricostruire la provenienza del bestiame.

Al consorzio, che si è costituito a Palermo nel dicembre dello scorso anno hanno aderito, oltre alla Regione e alla Provincia di Catania, il dipartimento di Morfologia, biochimica, fisiologia e produzione animale dell'Università di Messina.

Del gruppo fanno inoltre parte la società cooperativa San Giorgio di Gangi, e il Consorzio della carne bovina, ovina, caprina e suina dell'area interna di Enna e dei Nebrodi.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 marzo 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia