Un consorzio per tutelare il Marsala doc e controllare le etichette sul mercato

Contro la contraffazione del vino famoso nel mondo

17 aprile 2003
Un consorzio per la tutela del vino Marsala in Italia e nel mondo.
E' stato riconosciuto ufficialmente dal ministero per le Politiche Agricole e nei prossimi mesi avvierà un monitoraggio delle etichette "sospette" sugli scaffali dei supermercati e nelle cantine delle enoteche siciliane.
Un'operazione che andrà di pari passo con una campagna di promozione del prodotto e con la certificazione delle aziende produttrici.


Sono gli stessi produttori, una decina di aziende leader di settore, come le cantine Rallo, la Carlo Pellegrino e il gruppo Case Vinicole di Sicilia di Ilva di Saronno che riunisce i marchi Florio e Corvo e che rappresentano circa l'80% della produzione, a lanciare la campagna anticontraffazione di uno dei vini siciliani più famosi nel mondo.
Il Marsala, l'unica doc italiana a essre stata istituita nel 1984 con legge del Parlamento, può essere prodotto solo nella provincia di Trapani, ad eccezione delle zone di Alcamo, Pantelleria e nella isole Egadi.

A blindare ulteriormente la produzione a denominazione di origine controllata, alcuni limiti fissati dal disciplinare del novembre del 86, che esclude ad esempio dall'etichetta Marsala tutti derivati, ovvero i prodotti che aggiungono all'alcol e al vino altri aromi, fra i quali il più famoso è il Cremovo. Il prodotto, inoltre, deve essere invecchiato imbottigliato nella zona d'origine in fusti di rovere o ciliegio. Da legge prescrive nostri tipi di Marsala che si possono produrre: l'oro, con aggiunta al vino o al mosto di solo alcol; l'ambra, con l'aggiunta di mosto cotto; il rubino, prodotto con uve a bacca rossa.

"Quest'ultima tipologia di vino Marsala - spiega Diego Maggio, consigliere delegato del consorzio - veniva prodotto gli inizi del 1900, poi è scomparso ed è stato introdotto dal disciplinare. Il Marsala, inoltre a seconda del contenuto zuccherino, a essere secco, semi secco o dolce ". Altro aspetto che certifica la doc riguarda le riserve, che per svegliarsi di questo ulteriore denominazione devono raddoppiare gli anni di invecchiamento e riposare dei quattro i dieci anni. " In questi ultimi anni-continua Maggio-il nome Marsala si è in Italia che all'estero è stato utilizzato spesso impropriamente. Ecco perché abbiamo deciso di lanciare una campagna per valorizzare il marchio e effettuare controlli sul territorio ".

Sebbene si tratti di una produzione di nicchia-su 70.000 ettari di vigneti, che producono dai tre ai 4 milioni di ettolitri di vino, meno del 5% e destinato al Marsala-il mercato e in crescita. Nel 2001, ne sono stati prodotti 89.000 ettolitri di cui circa 63 mila dalle aziende consorziate. Nel 2002, della produzione cresce di circa il 10% fino a sfiorare i 100.000 ettolitri. Di questo volume, circa 30% e destinato ai mercati esteri, in primo luogo gli Stati Uniti, poi l'Inghilterra, alla Germania, la Francia e l'ingresso da qualche anno anche in Giappone Scandinavia. Oltre 500 milioni di euro all'anno, il fatturato delle aziende produttrici, diversificato tra Marsala, moscati, doc Alcamo e Pantelleria.

Fonte: La Repubblica

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 aprile 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia