Un ecatombe. In media, ogni anno, la malasanità in Italia ammazza tra le 14 e le 50 mila persone

24 ottobre 2006

Novanta morti al giorno. Tra  14 e 50 mila decessi ogni anno. Un totale superiore al numero delle vittime per incidenti stradali e tumori.
Sono le agghiaccianti cifre che si riferiscono ai decessi che ogni anno avvengono in Italia per colpa della malasanità.
Si fanno errori in sala operatoria o nei reparti, per cattiva organizzazione; ci sono diagnosi sbagliate o tardive; si confondono farmaci dai nomi simili. Nella classifica delle specialità dove ''si prendono più cantonate'' è in testa 'ortopedia- traumatologia', con il 16,5 per cento di errori, seguita da 'oncologia', 'ostetricia' e 'chirurgia'. La metà di questi errori fatali potrebbe essere evitata. Le persone in qualche modo danneggiate dagli sbagli medici o dal malfunzionamento delle strutture sanitarie sarebbero 320 mila all'anno. E i costi raggiungono l'uno per cento del Pil, circa 10 miliardi di euro.

A fornire queste cifre è l'Associazione italiana di Oncologia medica (Aiom), che in collaborazione con Dompé Biotec, ha organizzato un convegno nazionale proprio su questo tema, che si è tenuto ieri all'Istituto nazionale tumori di Milano (Int).
''Sui dati degli errori medici in Italia c'è molta confusione, e molte cifre vanno ridimensionate o interpretate'', ha spiegato Emilio Bajetta, presidente dell'Aiom e direttore della Struttura complessa di Oncologia medica 2 all'Int. Secondo l'Aaroi (Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani) le vittime italiane di errori medico-sanitari sono 14mila l'anno, mentre secondo l'Assinform arrivano a 50mila. Per gli esperti riuniti a Milano ''una stima realistica fissa il numero di morti a 30-35mila l'anno, pari al 5,5% del totale decessi''. ''Il tema del rischio clinico - ha affermato il professor Bajetta - si propone come un argomento di grande attualità, con un forte impatto socio-sanitario. Lo scopo è migliorare la prestazione sanitaria e garantire la sicurezza del paziente oncologico''.

Anche perché, come accennato prima, nella speciale classifica delle specialità dove si commettono maggiori errori stilata dal Tribunale del Malato, l'oncologia con un 13% si colloca al secondo posto, preceduta solo dall'ortopedia e traumatologia con il 16,5%; seguono ostetricia (10,8%) e chirurgia (10,6%). A guidare invece la graduatoria dei reparti più a rischio c'è la sala operatoria (32%), seguita da dipartimento degenze (28%), dipartimento urgenza (22%) e ambulatorio (18%).

Fra le principali cause di errore c'è sicuramente la somministrazione di farmaci sbagliati, che secondo un'indagine dell'Asl Roma C si colloca al primo posto per le sviste in oncologia (40% insieme alla non applicazione dei protocolli previsti. ''La cosiddetta "malpractice" esiste - ha detto Bajetta - ma spesso l'errore non è dell'operatore sanitario, bensì della struttura in cui lavora'': stanchezza legata a troppi turni massacranti, procedure non controllate, cartelle cliniche o farmaci preparati in ambienti bui, sporchi o rumorosi, e diagnosi tardive per screening inefficaci. Il mancato impiego routinario del pap test, ad esempio, è la ragione per cui ancora oggi 1.500 italiane l'anno muoiono di cancro al collo dell'utero. Troppe volte, poi, si trascura ''la co-presenza di varie malattie'' come pure ''il consenso informato al malato e alla sua famiglia'', ha aggiunto Marco Venturini, primario oncologo all'ospedale di Negrara (Verona). Venturini ha pure puntato il dito contro ''il sistema a prestazione, per cui il medico - sotto pressione dell'azienda, pagata a prestazione - dimette in fretta pazienti magari non del tutto stabilizzati''.

I dati nazionali disponibili provengono da varie fonti (Anestesisti Ospedalieri, Assinform, Tribunale dei Diritti del Malato e altre): oppure sono proiezioni dalla letteratura internazionale (a partire dal rapporto Usa del 2000 "To err is human"); o ancora si riferiscono a studi e sperimentazioni condotti in grandi e piccoli centri di cura italiani.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

24 ottobre 2006

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia