Un estate di controlli

Ad Agosto cominciano oltre 5.000 ispezioni nei cantieri siciliani e nelle aziende agricole

29 giugno 2010

Partiranno ad agosto oltre 5.000 controlli nei cantieri edili e nelle aziende agricole siciliane. L'azione ispettiva è contenuta nel piano straordinario di vigilanza, avviato nel 2010 dal ministero del Lavoro, in Sicilia, Calabria, Campania e Puglia per contrastare la manodopera irregolare e lo sfruttamento e per tutelare la sicurezza dei lavoratori clandestini.
Saranno le Prefetture siciliane ad avere il coordinamento ma i controlli saranno svolti in collaborazione con gli ispettori del Lavoro, con l'Inps, l'Inail e le associazioni di categoria e con il supporto operativo di Carabinieri e Guardia di finanza.

Per stabilire la programmazione dell'attività, l'assessore regionale della Famiglia, Lino Leanza e il dirigente generale del Dipartimento regionale del Lavoro Alessandra Russo, hanno incontrato, a Palazzo d'Orleans, alcuni prefetti delle nove province siciliane, i rappresentanti del comando regionale della Guardia di finanza, dei Carabinieri, i dirigenti dell'Inps e dell'Inail e i funzionari del dipartimento regionale del lavoro.
"I controlli - ha detto il presidente della Regione Raffaele Lombardo - sono opportuni in tutti settori per garantire la legalità. Ma se da un lato è giusto punire chi non è in regola, dall'altro servono regole precise e rigorose per tutti. La rivoluzione deve essere globale. Infatti, accanto alle verifiche, si deve intervenire con misure a sostegno delle imprese agricole, edilizie e anche del commercio perché, se puntiamo solo alla repressione, rischiamo di indebolire il fragile sistema economico siciliano".

Una vera e propria task force, composta da circa 400 tra ispettori del lavoro e dell'Inps, coadiuvati dalle forze dell'ordine, punterà la sua attenzione soprattutto nei confronti delle imprese edili private e pubbliche e delle aziende agricole di grande dimensione. Ma saranno effettuati anche controlli a campione in modo particolare nei territori dove si sono registrati maggiormente i fenomeni di lavoro irregolare.
"Si tratta - ha spiegato l'assessore Leanza - di un intervento straordinario per scongiurare che si verifichino nuovamente episodi come quelli avvenuti a Rosarno. E' un piano a cui la Regione ha aderito e attraverso il quale vogliamo lanciare il messaggio che la legalità nel lavoro paga sempre. Dalle ispezioni ci aspettiamo un forte contrasto al sommerso, allo sfruttamento e al caporalato, e dunque a quelle infiltrazioni criminali che gestiscono questi fenomeni".
In Sicilia, gli ispettori dovranno accertare in che modo viene utilizzata la manodopera stagionale, andranno a caccia del lavoro nero e del fenomeno del "caporalato", condurranno verifiche nei cantieri edili e in agricoltura, nei periodi della raccolta di agrumi, olive ed uva.

[Informazioni tratte da Ansa, La Siciliaweb.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

29 giugno 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia