Un ritardo di due ore e oltre 50 ettari di bosco vanno in fumo

Troppe lungaggini per gli interventi aerei

17 luglio 2001

Un lavoro durato sei anni è andato perduto nel giro di poche ore: un'area boschiva di oltre 50 ettari, a Campofelice di Fitalia, in provincia di Palermo, è stata distrutta dalle fiamme domenica pomeriggio.

Quali le cause? Un mozzicone di sigaretta, il caldo afoso e, fatto ancora più grave, i ritardi burocratici che hanno rallentato gli interventi.

"Tutta la popolazione - spiega il sindaco Rino Meli in un intervista al Giornale di Sicilia - si è prodigata senza risparmio di energie per spegnere le fiamme; è intervenuta subito anche l'autobotte del Comune, ma tutto questo non è bastato…". Una risorsa ambientale persa insieme ai posti di lavoro destinati alla cura del bosco.

Troppe lungaggini negli interventi degli aerei e degli elicotteri causano danni incalcolabili per l'ambiente: perché il servizio aereo si attivi occorre un permesso speciale da Roma.

In effetti, l'incendio scoppiato alle ore 12.50 a ridosso di Campofelice si sarebbe potuto evitare se il servizio antincendio (che non è gestito direttamente dalla regione Sicilia) non avesse dovuto seguire la procedura obbligatoria: telefonare al 1515 della forestale, alla prefettura e ai vigili del fuoco; se gli interventi da terra non sono sufficienti si chiede l'intervento aereo telefonando al Cor (centro operativo regionale) e poi al Coau, che coordina i centri aerei di Roma.

Dopo una serie di verifiche, finalmente l'intervento si attiva…e intanto le fiamme hanno varcato tutti i confini!

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 luglio 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia