Una class action siciliana contro Ryanair

Le associazioni siciliane consumatori pronti a difendere quanti sono stati danneggiati dai voli cancellati dalla compagnia irlandese

21 settembre 2017
Una class action siciliana contro Ryanair

Una class action per tutelare i consumatori siciliani penalizzati dalle cancellazioni dei voli Ryanair. Adiconsum Palermo Trapani, con l’ausilio dei suoi esperti legali, sta valutando l’opportunità di promuovere un'iniziativa per i passeggeri rimasti a terra, dopo che la compagnia irlandese ha deciso di tagliare circa duemila a voli a causa del piano ferie e della mancanza di piloti.
Finora sono stati oltre 700 i voli cancellati in tutta Italia. E tra questi, all’inizio di questa settimana, c’erano alcuni voli sulle rotte che collegano Palermo e Trapani a Bologna e Orio al Serio (Bergamo). Mentre, da fine settembre a fine ottobre, sarà particolarmente penalizzata la rotta Catania-Roma e ci saranno cancellazioni anche da Fontanarossa a Orio al Serio.

"La cancellazione rischia di far saltare coincidenze aeree, appuntamenti di lavoro o visite mediche, viaggi di piacere, oltre a procurare inevitabili perdite economiche per i consumatori", dice Mario Stassi, il presidente di Adiconsum Palermo-Trapani. Ad affiancare Adiconsum Palermo-Trapani ci sarà, inoltre, lo staff di TravelHelp, la startup creata da due giovani palermitani, Daniele Giglio e Francesco Domina, che hanno lanciato una piattaforma on-line appositamente pensata per i sinistri da viaggio. "Forniamo assistenza legale gratuita per ogni tipo di sinistro da viaggio e abbiamo già una cinquantina di pratiche - dice l’avvocato Daniele Giglio - i passeggeri che subiscono disagi hanno diritto a una compensazione pecuniaria e a un risarcimento per le spese eventualmente sostenuto e, in alcuni casi è configurabile un danno non patrimoniale".
Per aderire all’iniziativa occorre inviare una mail con le proprie generalità e i riferimenti del proprio volo cancellato all’indirizzo di posta elettronica di TravelHelp (info@travelhelp.it) o di Adiconsum Palermo-Trapani (palermotrapani@adiconsum.it).

E sul caso è intervenuta anche Federconsumatori Sicilia, che mette a disposizione le sedi territoriali - sul sito www.federconsumatorisicilia.it/sedi/ e invita chiunque abbia effettuato una prenotazione tra il 20 settembre e il 28 ottobre a controllare sul sito della compagnia lo stato del proprio volo, conservare le ricevute o le fatture, anche delle spese aggiuntive sostenute per eventuali pernottamenti supplementari, per l’acquisto di biglietti alternativi e per l'acquisto di beni di prima necessità. "Comprendiamo che RyanAir sia stata costretta alla cancellazione dei voli per motivi anche sindacali - commenta il presidente di Federconsumatori Sicilia, Alfio La Rosa - ma siamo anche convinti che avrebbe potuto avvertire prima, visto che molte prenotazioni sono state fatte a ridosso della diffusione della notizia, quando la compagnia già sapeva che avrebbe dovuto cancellare alcuni voli". [Articolo di Tullio Filippone - Repubblica/Palermo.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 settembre 2017

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia