Una domenica di fuoco...

La Sicilia è stata flagellata dagli incendi: le zone più colpite quelle di Palermo, Enna e Trapani

19 luglio 2010

E' stata una domenica di fuoco quella di ieri in Sicilia, e non in senso metaforico. Decine i roghi scoppiati in diverse province. La situazione più allarmante è stata a Erice, nel Trapanese. Le fiamme hanno bruciato, per ore, sterpaglie e alberi alla base del monte Erice. Il fuoco ha raggiunto un fronte di oltre 500 metri ed è salito lungo le pendici, lambendo una pineta. Diverse le abitazioni sgomberate in via precauzionale. Ieri mattina dall'aeroporto trapanese di Birgi si sono levati in volo due Firebox, un elicottero Sierra e tre Canadair che hanno effettuato decine di lanci d'acqua. Dopo la mattinata la situazione è tornata alla normalità e il pericolo per le abitazioni è stato scongiurato. Non ci sono stati feriti.
Ed è stato domato ieri all'alba, l'altro vastissimo incendio scoppiato nell'isola che è arrivato ad interessare i territorio di due province: Palermo ed Enna. Scoppiato a Gangi, nelle Madonie, si è esteso, su due diversi fronti, per chilometri raggiungendo il bosco di Sperlinga e contrada Intronata nell'ennese. Distrutti ettari di macchia mediterranea. La situazione è rientrata alla normalità prima nei territori del Palermitano, poi nella provincia di Enna. Le fiamme hanno divorato ettari di vegetazione anche a Castronovo di Sicilia, nel Palermitano.

Incendio a Gangi : "Gravi danni al patrimonio boschivo comunale" - Oltre mille ettari di boschi e macchia mediterranea sarebbero andati in fumo a causa dell'incendio tra Nicosia (En) e Gangi (Pa) anche se è ancora presto per fare un bilancio. "Per due giorni le fiamme hanno divorato il polmone verde tra le contrade Zimmara e Giumenta nel territorio di Gangi un grave danno al patrimonio boschivo – ha detto il Sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarellograndi gli sforzi fatti per cercare di domare le fiamme, sono stati impegnati un centinaio di uomini tra forestali, vigili del fuoco, squadre antincendio e volontari della protezione civile. Diverse le aziende agricole ed allevamenti della zona evacuati, danneggiati alcuni casolari, magazzini rurali e molte aree adibite a pascolo. La zona impervia è difficile da raggiungere ha favorito l'estendersi del fronte del fuoco. Se la macchina dei soccorsi ha funzionato ed è intervenuta tempestivamente - conclude Ferrarello - lo si deve ai ragazzi della protezione civile 'Speranza' di Gangi che immediatamente hanno raggiunto contrada Zimmara attivandosi per spegnere i focolai e grazie anche alla macchina comunale che ha funzionato alla perfezione, abbiamo inviato anche una nostra autobotte".
In una nota congiunta i sindaci di Gangi e di Nicosia, Antonello Catania chiedono la convocazione immediata di un tavolo per predisporre una rete di sorveglianza. "Serve una task force per prevenire l'azione criminale dei piromani. Siamo pronti a mettere a disposizione gli uomini ed i mezzi dei quali disponiamo, occorre però un'azione coordinata".

[Informazioni tratte da Ansa, Ufficio Stampa Comune di Gangi]

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 luglio 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia