Uno dei piloti killer era stato addestrato negli Stati Uniti

Dietro la sequenza di attentati la figura di Osama Bin Laden

13 settembre 2001
Ulteriori sviluppi dalle indagini federali sui responsabili degli atti terroristici ai danni degli Stati Uniti. Sono stati identificati 12 uomini, tutti d'origine mediorientale; prende quindi sempre più corpo l'ipotesi che dietro l'impressionante sequenza di attentati ci sia la figura di Osama Bin Laden, il miliardario saudita che guida la micidiale organizzazione terrorista integralista, appoggiato però da altre organizzazioni terroristiche mediorientali.
Numerosi indizi infatti sembrano collegarlo in qualche modo ai 12 attentatori.

Le indagini sembrano confermare l'ipotesi iniziale che la via di accesso di alcuni dei dirottatori sia stato il confine con il Canada.  Si pensa che le vie di  accesso agli Stati Uniti siano state delle località nel Massachussetts e in Florida, dove sono stati effettuati fermi, sequestri e perquisizioni.

Beffa delle beffe! Probabilmente almeno uno dei piloti killer potrebbe essere stato addestrato in scuole di pilotaggio negli Stati Uniti. Nel mirino della indagine anche l'università aeronautica Embry-Riddle della Florida, la più famosa scuola di pilotaggio del mondo. Un pilota su quattro è stato allievo di questa scuola.
Il ministro della giustizia John Ashcroft, in una conferenza stampa facendo il punto delle indagini ha dichiarato:"Gli attacchi sono stati effettuati da cellule composte da un minimo di tre ad un massimo di sei terroristi, armati di coltelli".

Ad Isalmabad, intanto, il regime afghano dei Taleban ha smentito le voci sull'arresto di Osama Bin Laden. Lo ha reso noto tramite l'agenzia stampa islamica afghana Aip.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

13 settembre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia