Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Venti di guerra sulle nostre teste...

Quando partiranno i droni americani armati, partiranno da Sigonella. Partiranno dalla Sicilia

25 febbraio 2016

Dopo la rivelazione (tardiva?) dell'accordo tra gli Stati Uniti e l'Italia, non sono mancate le polemiche, che continuano. "La Libia può essere stabilizzata solo con l'intervento delle forze locali - ha spiegato al question time di ieri il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, parlando dei droni Usa a Sigonella -. Un intervento militare di occupazione del paese sarebbe impensabile".
Il via libera ai droni armati americani dalla base di Sigonella "riguarda solo profili difensivi del personale" ed il loro uso è "di volta in volta discusso ed autorizzato da noi" e ciò è "in coerenza con la strategia italiana che punta al coinvolgimento della popolazione locale nella lotta al terrorismo".

Il ministro ha sottolineato che il raid americano dei giorni scorsi contro i terroristi a Sabratha "non ha interessato l'Italia né logisticamente né per il sorvolo". Pinotti ha quindi ricordato e ribadito "le scelte che il Governo ha fatto nella lotta all'Isis: noi fin dall'inizio siamo parte di una coalizione internazionale e sosteniamo con altrettanta determinazione il punto di vista nazionale, che mira al coinvolgimento diretto della popolazione locale nella lotta al terrorismo, fondamentale per la riuscita dell'azione. Lo facciamo - ha aggiunto - in Iraq, d'accordo con il Governo iracheno ed abbiamo lo stesso approccio in Libia". In questo Paese, ha proseguito, "l'Italia è parte attiva del piano per la stabilizzazione, nel pieno rispetto del diritto internazionale e delle direttive Onu. Stiamo coordinando la formazione della forza di sicurezza e stabilizzazione libica che dovrà intervenire quando sarà formato un Governo". "Quando il governo libico si sarà insediato - ha proseguito Pinotti - ci sarà bisogno di dare una mano per la sicurezza con addestratori e anche forze di protezione e a questo stanno lavorando 19 nazioni con il coordinamento dell'Italia".

Quanto a Sigonella, ha concluso il ministro della Difesa, "la base è usata fin dagli anni '50 dagli Usa. Più recentemente, quando è stato ucciso l'ambasciatore americano a Bengasi, ci è stato chiesto l'assenso per il rafforzamento in loco dei militari Usa in modo da soddisfare le esigenze di proteggere meglio i loro cittadini in tutta l'area del Nord Africa".
Per quanto riguarda poi l’utilizzo dei droni armati - che decollano con un piano di volo e obiettivi programmati con precisione chirurgica, una questione di intelligence, dunque -, saranno le informazioni che pervengono al Pentagono ed al Ministero della Difesa italiano a dare il via agli interventi in Libia, perché, com’è stato scrupolosamente precisato anche dalla Farnesina e Palazzo Chigi, i raid dei droni "siciliani" dovranno ottenere l’autorizzazione tricolore. Caso per caso, è stato specificato.

Al Movimento 5 Stelle non bastano le rassicurazioni del governo. "I fatti sono chiari: l'Italia sta per entrare in guerra e questo in barba alle risoluzioni dell’Unione europea che prevedevano, prima di un'azione in terra libica, un mandato del Consiglio di Sicurezza dell'Onu e il consenso del governo libico. Quello stesso esecutivo unitario, faticosamente costruito negli anni, che ha condannato i raid Usa con i droni partiti proprio dalla base militare di Sigonella, in Sicilia". Ad affermarlo senza mezzi termini è Luca Frusone, deputato M5S della commissione Difesa, intervenuto al question time con il ministro Pinotti.

"Concedendo lo spazio aereo ai droni americani, l’Italia sta appoggiando una guerra illegale - ha detto ancora Frusone - e l’ennesima iniziativa unilaterale di una potenza militare i cui confini sono lontanissimi da quelli della Libia, al contrario di quelli italiani, e che può innescare una escalation analoga a quella che nel 2011 ha portato caos e distruzione in Libia e contribuito a impiantare in quel paese il terrorismo di Daesh".
"Il governo italiano - ha concluso il deputato pentastellato - oggi in aula, non ha negato il proprio coinvolgimento nei bombardamenti in Libia senza che il Parlamento, che dovrebbe rappresentare la cittadinanza italiana, abbia potuto dire una sola parola".

[Informazioni tratte da ANSA, GdS.it, SiciliaInformazioni.com, Adnkronos/Ign]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

25 febbraio 2016
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia