Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Vittime del mobbing, vittime per il mobbing. I pericoli dietro la frustrazione

Ancora troppo sottovalutato questo male procurato che colpisce la dignità e l'anima

29 dicembre 2004

Di sesso maschile, con un'età compresa tra i 45 e i 55 anni e con un posto di dirigente o funzionario di banca. Il profilo è quello del lavoratore stressato che subisce le pressioni del capo e che stanco delle vessazioni decide di presentare una denuncia per mobbing.
Per la Fisac, il sindacato dei bancari della Cgil, il 20% delle denunce di mobbing in Sicilia riguarda il settore del credito e per l'80% sono presentate da uomini, anche se la percentuale di donne è in aumento.
''Il mobbing - ha spiegato Walter Gubbiotti, segretario generale della Fisa-Cgil siciliana - è ancora un fenomeno sottovalutato. In Sicilia si manifesta in maniera maggiore rispetto al resto del Paese, e ciò dipende dalla ristrutturazione del sistema bancario, tra fusioni e incorporazioni, registrato negli ultimi anni''. Sottolineando che non esiste una legge nazionale a tutela dei lavoratori mobbizzati, la Fisac sollecita la Regione siciliana a dotarsi di una norma, facendo leva sull'autonomia statutaria.

''Il numero delle denunce che cresce - dice Pino Lo Bello, responsabile del Centro ascolto antimobbing della Cgil di Palermo - sta a testimoniare che la gente ha trovato il coraggio di parlare ma anche che il rischio mobbing è sempre più diffuso''.
Secondo Lo Bello ''il danno è doppio, viene fatto sia all'individuo che all'intera attività produttiva di un'azienda''. ''Se c'è poca democrazia nei posti di lavoro - aggiunge Lo Bello - i casi di mobbing registrati risultano superiori rispetto alla norma. Occorre un'azione di prevenzione ma anche un sistema di relazioni sindacali che combatta atteggiamenti autoritari e vessatori, che impediscano la libera espressione professionale e intellettuale dei lavoratori. Bisogna ristabilire principi di equità, dialogo e democrazia''.

La Cgil di Palermo, in un anno e mezzo di attività del suo centro ascolto anti-mobbing, ha esaminato 61 casi. Per il 55% si tratta di uomini, per il 45% di donne, ''anche se - precisa Lo Bello - il numero delle donne che lavorano è minore rispetto agli uomini''. Sono per lo più lavoratori con un'età compresa tra 30 e 50 anni e con un'istruzione medio-alta: il 61% è diplomato, il 28% è laureato. I centri d'ascolto a Palermo sono tre, sette in Sicilia.


Dal quotidiano ''la Repubblica'' cronaca di un caso limite causato dal mobbing:
"Il capo mi umiliava e gli ho sparato"

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

29 dicembre 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE