Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Volete prevenire l'aumento di peso che arriva con la ''mezza età''? Datevi allo yoga

Mezz'ora alla settimana per prevenire i chili di troppo che arrivano con la mezza età

18 agosto 2005

Niente di strenuo: basta mezz'ora alla settimana per conservare una linea invidiabile anche dopo aver doppiato la boa degli ''anta''.
Almeno così sostengono ricercatori del Fred Hutchinson Research Center di Seattle (Usa), forti di uno studio su oltre 15mila persone tra i 45 e 55 anni. La ricerca, condotta grazie a fondi del National Cancer Institute, si è basata su interviste scritte, mirate a ricostruire l'attività fisica (con particolare attenzione allo yoga) e andamento del peso nei dieci anni precedenti dei soggetti interpellati.

Un chilo e mezzo risparmiato - Risultato: la maggior parte delle persone reclutate per lo studio aveva guadagnato circa mezzo chilo all'anno nel periodo tra i 45 e i 55 anni, il che è abbastanza normale per chi non adegua l'introito calorico quotidiano alle minori necessità energetiche che si accompagna di solito nel periodo in questione. Chi però, nel gruppo considerato, partendo da un peso normale, aveva praticato con regolarità lo yoga, aveva invece accumulato in media 1 chilo e mezzo in meno.

Più vantaggi per chi parte in sovrappeso - ancora più significativo è stato l'effetto su chi partiva già con qualche chilo di troppo. Tra i sovrappeso, infatti gli appassionati di yoga non solo non so ingrassati come gli altri della propria categoria (che hanno guadagnato in media oltre 6 chili), ma addirittura sono dimagriti, quasi sempre di oltre 2 chili nei dieci anni considerati.

Le ragioni del fenomeno - Quali siano i motivi all'origine di questo effetto non è ancora chiaro. Secondo Alan R. Kristal, prima firma dello studio, le ragioni sarebbero da ricercare nella maggiore sensibilità che lo yoga conferise nei confronti del proprio corpo, piuttosto che nel mero dispendio energetico legato all'attività fisica. ''Durante una seduta di yoga molto vigorosa si possono bruciare abbastanza calorie da perdere un po' di peso'' ha sottolineato Kristal, ''Ma credo che più importante, in questo senso, sia la maggiore consapevolezza che lo yoga sviluppa nei confronti del proprio corpo. E quindianche delle sue esigenze alimentari''.
In altre parole chi pratica yoga diventerebbe più capace di capire se ha mangiato abbastanza, o anche troppo, e di regolarsi di conseguenza.
E non solo. Secondo Denise Benitez, del Seattle Yoga Arts. Nel controllo del peso potrebbe giocare un ruolo anche una maggiore capacità di ''soffrire'' che si apprende con lo yoga. ''Sebbene a prima vista lo yoga sembri facile'' ha sottolineato l'esperta. ''In realtà procura un minino di dolore e quindi insegna anche a sopportarlo. E non è da escludere che questa abitudine a 'resistere' si traferisca anche sul piano della disciplina alimentare''.

Il decalogo per ottenere buoni risultati
Questi i consigli degli esperti che hanno partecipato alla ricerca americana per praticare in modo fruttuoso lo yoga e per conseguire, in particolare, i vantaggi che questa disciplina sembra conferire in termini di controllo del peso.

1. Praticare lo yoga in una stanza senza specchi e prestare attenzione più alle sensazioni interne che alla propria performance.
2. Imparare ad avvertire le sensazioni interne più sottili, in modo da divenire sempre più attenti anche al più piccolo movimento.
3. Una volta in posizione trovare un ''limite'' da ''tenere'' ma da non superare. In questa situazione cercare di mantenere uno stato mentale chiaro e aperto.
4. Concedersi di riposare quando ci si sente stanchi.
5. Porre molta attenzione a che cosa si dice durante la seduta, e cercare di apprezzare i propri sforzi.
6. Recarsi alla seduta fiduciosi, arrivando in tempo per parlare con qualche persona del proprio gruppo prima dell'inizio.
7. Dotarsi di un proprio materassino da yoga da portare in palestra.
8. Capire che lo yoga può aiutare a sviluppare qualità come la pazienza, la disciplina, la gentilezza, la gratitudine, e molte altre ancora. E che queste qualità conferiscono un carattere stabile e ''morbido''.
9. Trovare un insegnante gentile ma anche fermo, la cui guida ispiri a raggiungere il proprio ''sè'' al massimo grado.
10. Riconoscere a se stessi che anche il solo fatto di frequentare una classe di yoga rappresenta un atto di ''coraggio'', di attenzione verso se se stessi e un momento positivo. Capire che più si diventa profondi e vicini a propri veri desideri attraverso lo yoga, più si diventa di ispirazione agli altri
 
Fonte: Corriere della Sera

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 agosto 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia