"L'Arte dei muretti a secco" Patrimonio Unesco

Uno dei primi esempi di manifattura umana nella lista del Patrimonio immateriale dell’Umanità

30 novembre 2018
''L'Arte dei muretti a secco'' Patrimonio Unesco

Muretti a secco nella campagna iblea, foto di Giorgio Leggio - Flickr.com, CC BY-SA 2.0

L'Unesco ha iscritto "L'Arte dei muretti a secco" nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell'umanità. Un’iscrizione conseguente alla candidatura presentata da Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, dalla Slovenia, Spagna e Svizzera.

Un muretto a secco nel ragusano

"L'arte del 'Dry stone walling' riguarda tutte le conoscenze collegate alla costruzione di strutture di pietra ammassando le pietre una sull'altra, non usando alcun altro elemento tranne, a volte, terra a secco", spiega l'Unesco nella motivazione del provvedimento.

Muretto a secco in un tipico paesaggio campestre siciliano

Si tratta di uno dei primi esempi di manifattura umana ed è presente a vario titolo in quasi tutte le regioni italiane, sia per fini abitativi che per scopi collegati all'agricoltura, in particolare per i terrazzamenti necessari alle coltivazioni in zone particolarmente scoscese.

Muretti a secco in un vigneto di Donnafugata a Pantelleria - ph Fabio Gambina

"Le strutture a secco sono sempre fatte in perfetta armonia con l'ambiente e la tecnica esemplifica una relazione armoniosa fra l'uomo e la natura. La pratica viene trasmessa principalmente attraverso l'applicazione pratica adattata alle particolari condizioni di ogni luogo" in cui viene utilizzata, spiega ancora l'Unesco.

Muro a secco che costeggia un ulivo secolare

I muri a secco, sottolinea l'organizzazione, "svolgono un ruolo vitale nella prevenzione delle slavine, delle alluvioni, delle valanghe, nel combattere l'erosione e la desertificazione delle terre, migliorando la biodiversità e creando le migliori condizioni microclimatiche per l'agricoltura".

Muretti a secco di pietra lavica in un terrazzamento di vigne alle pendici dell'Etna

Nei secoli, l’Arte dei Muretti a secco in Sicilia hanno caratterizzato interi paesaggi, infondendo a questi una vera e propria peculiare identità. Nei territori etnei, ad esempio, i muretti di pietra lavica sottolineano i terrazzamenti dei ricchi vigneti che produrranno l'Etna DOC

Una Piramide etnea

O evidenziano i limiti di un terreno ergendosi come misteriose piramidi (le "turrette", cumuli di blocchi di roccia vulcanica, impilati a secco durante i lavori di aratura e sistemazione dei terreni per le coltivazioni) realizzate nei territori di Linguaglossa, Piedimonte Etneo, Randazzo e nella Valle dell’Alcantara.

I muretti a secco che circondano il Castello di Donnafugata

E cosa sarebbe la Campagna Iblea senza le bianche trame dei muretti a secco che delimitano i confini delle proprietà? Realizzati con la classica pietra calcarea ragusana, i muretti - che circondano anche la base del celebre Castello di Donnafugata - sono uno dei tratti distintivi della parte SuEst della Sicilia.

Giardino Pantesco

Non possiamo, infine, dimenticare l'eccellente espressione dell'Arte dei muretti a secco che si può osservare a Pantelleria, nei muretti nati dall’ingegno dei contadini per ovviare all'evidente dislivello del terreno e per costruire quelle meraviglie architettoniche che si chiamano Giardini Panteschi.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 novembre 2018

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia