"Tu, Lei, la memoria e l'insulto"

Umberto Eco e la lectio magistralis sul pericolo dell'utilizzo (troppo) diffuso del dare del "Tu"

18 luglio 2016
Tu, Lei, la memoria e l'insulto

Una delle ultime "magistrali lezioni" di Umberto Eco

Umberto Eco, "darsi sempre del tu è una finta familiarità che rischia di trasformarsi in insulto"
[L'Huffington Post]

Dare del Tu o del Lei, addirittura del Voi. Questo il tema trattato in una lectio magistralis di Umberto Eco, pubblicata su Repubblica, dal titolo "Tu, Lei, la memoria e l'insulto", in cui il celebre scrittore analizza i rischi del passaggio dal Voi al Lei, fino al Tu dei giorni nostri, usato continuamente e in tutte le circostanze, che cela "una finta familiarità che rischia di trasformarsi in insulto". E che fa sì che l'Italia "perda la memoria".

La lingua italiana ha sempre usato il Tu, il Lei (al plurale Loro) e il Voi. Voi sapete che la lingua inglese (reso arcaico il poetico e biblico Thou) usa solo il You. Però contrariamente a quel che si pensa lo You serve come equivalente del Tu o del Voi a seconda che si chiami qualcuno con il nome proprio, per cui "You John" equivale a "Tu, John” (e si dice che gli interlocutori sono in "first name terms"), oppure il You è seguito da Mister o Madame o titolo equivalente, per cui "You Mister Smith" significa "Lei, signor Smith". Il francese non ha Lei bensì solo il Tu e Vous, ma usa il Tu meno di noi, i francesi "vouvoyent" più che non "tutoyent", e anche persone che sono in rapporti di gran confidenza (persino amanti) possono usare il Vous.

Per quanto riguarda la lingua italiana, Umberto Eco ripercorre la storia dei pronomi personali.

Nella Roma antica si usava solo il Tu, ma in epoca imperiale appare un Vos che permane per tutto il Medioevo (per esempio quando ci si rivolge a un abate) e nella Divina Commedia appare il Voi quando si vuole esprimere grande rispetto ("Siete voi, qui, ser Brunetto?"). Il Lei si diffonderà solo nel Rinascimento nell’uso cancelleresco e sotto influenza spagnola. Nelle nostre campagne si usava il Voi tra coniugi ("Vui, Pautass", diceva la moglie al marito) e l’alternanza tra Tu, Lei e Voi è singolare nei Promessi sposi. Si danno del Voi Agnese e Perpetua, Renzo e Lucia, Il Cardinale e l’Innominato, ma in casi di gran rispetto come tra Conte Zio e Padre Provinciale si usa il Lei. Il Tu viene usato tra Renzo e Bortolo o Tonio, vecchi amici. Agnese da del Tu a Lucia che risponde alla mamma con il Voi. Don Abbondio da del Voi ad Agnese che risponde per rispetto con il Lei. Il dialogo tra Fra Cristoforo e don Rodrigo inizia col Lei, ma quando il frate s’indigna passa al Voi ("la vostra protezione...") e per contraccolpo Rodrigo passa al Tu, per disprezzo ("come parli, frate?"). Una volta per rispetto, anche in un’aula universitaria o in una conferenza, si usava il plurale Loro ("come Loro m’insegnano...") ormai desueto e sostituito dal Voi. Usato solo ormai in senso ironico è l’arcaico Lorsignori. Ormai dire "come lorsignori m’insegnano" equivale a suggerire che gli interlocutori siano una massa d’imbecilli. Il regime fascista aveva giudicato il Lei capitalista e plutocratico e aveva imposto il Voi. Il Voi veniva usato nell’esercito, e sembrava più virile e guerresco, ma corrispondeva allo You inglese e al Vous francese, e dunque era pronome tipico dei nemici, mentre il Lei era di origine spagnolesca e dunque franchista. Forse il legislatore fascista poco sapeva di altre lingue e si era arrivati a sostituire il titolo di una rivista femminile, Lei, con Annabella, senza accorgersi che il Lei di quel titolo non era pronome personale di cortesia bensì l’indicazione che la rivista era dedicata alle donne, a lei e non a lui. Bambini e ragazzi si davano del Tu, anche all’università, sino a quando non entravano nel mondo del lavoro. A quel punto Lei a tutti, salvo ai colleghi stretti (ma mio padre ha passato quarant’anni nella stessa azienda e tra colleghi si sono sempre dati del Lei). Per un neolaureato, fresco fresco di toga virile, dare del Lei agli altri era un modo non solo di ottenere il Lei in risposta, ma possibilmente anche il Dottor.

Arrivando ai giorni nostri, Eco osserva un progressivo passaggio dal Lei al Tu, in diverse circostanze.

Da tempo invece, a un giovanotto sui quarant’anni che entra in un negozio, il commesso o la commessa della stessa età apparente, cominciano a dare del Tu. In città il commesso ti dà evidentemente del Lei se hai i capelli bianchi, e possibilmente la cravatta, ma in campagna è peggio: più inclini ad assumere costumi televisivi senza saperli mediare con una tradizione precedente, in un emporio mi sono visto (io allora quasi ottantenne e con barba bianca) trattato col Tu da una sedicenne col piercing al naso (che non aveva probabilmente mai conosciuto altro pronome personale), la quale è entrata gradatamente in crisi solo quando io ho interagito con espressioni quali "gentile signorina, come Ella mi dice..." Deve aver creduto che provenissi da Elisa di Rivombrosa , tanto mondo reale e mondo virtuale si erano fusi ai suoi occhi, e ha terminato il rapporto con un "buona giornata" invece di "ciao", come dicono gli albanesi [...].

Così facendo, l'Italia, secondo Umberto Eco, perde la memoria.

Il problema del Tu generalizzato non ha a che fare con la grammatica ma con la perdita generazionale di ogni memoria storica e i due problemi sono strettamente legati

Lo scrittore cita alcuni esempi di ignoranza su rilevanti questioni storiche emerse nel quiz televisivo L'Eredità e diffuse su Youtube - con giovani concorrenti che collocavano storicamente la nomina di Adolf Hitler a cancelliere nel 1979 oppure l'incontro fra Benito Mussolini ed Ezra Pound nel 1964.

Per quei quattro soggetti tra i venti e trent’anni - che non è illecito considerare rappresentativi di una categoria - le quattro date proposte, tutte evidentemente anteriori a quelle della loro nascita, si appiattivano per loro in una sorta di generico passato, e forse sarebbero caduti nella trappola anche se tra le soluzioni ci fosse stato il 1492.

Vi chiederete perché lego il problema dell’invadenza del Tu alla memoria e cioè alla conoscenza culturale in generale. Mi spiego. Ho sperimentato con studenti stranieri, anche bravissimi, in visita all’Italia con l’Erasmus, che dopo avere avuto una conversazione nel mio ufficio, nel corso della quale mi chiamavano Professore, poi si accomiatavano dicendo Ciao. Mi è parso giusto spiegargli che da noi si dice Ciao agli amici a cui si da del Tu, ma a coloro a cui si da del Lei si dice Buongiorno, Arrivederci e cose del genere. Ne erano rimasti stupiti perché ormai all’estero si dice Ciao così come si dice Cincin ai brindisi. Se è difficile spiegare certe cose a uno studente Erasmus immaginate cosa accade con un extra-comunitario. Essi usano il Tu con tutti, anche quando se la cavano abbastanza con l’italiano senza usare i verbi all’infinito. Nessuno si prende cura degli extracomunitari appena arrivati per insegnare loro a usare correttamente il Tu e il Lei, anche se usando indistintamente il Tu essi si qualificano subito come linguisticamente e culturalmente limitati, impongono a noi di trattarli egualmente con il Tu (difficile dire Ella a un nero che tenta di venderti un parapioggia) evocando il ricordo del terribile "zi badrone". Ecco come pertanto i pronomi d’allocuzione hanno a che fare con l’apprendimento e la memoria culturale.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 luglio 2016

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia