10 mosse per regalare un regalo poco gradito

Adesso possiamo cominciare a riciclare i regali di Natale che non ci sono piaciuti

23 dicembre 2016
10 mosse per regalare un regalo poco gradito

È appena passato Natale e (siamo abbastanza certi) sono stati parecchi i regali e i pensieri ricevuti da parenti e amici che, come dire…non rispecchiano esattamente i propri gusti e soprattutto i propri desideri.
Certo, "a caval donato non si guarda in bocca" e sicuramente non è per nulla carino offendere colui o colei che ha regalato l’oggetto in questione manifestando il proprio dissenso, ma è pur vero che tenersi sul groppone qualcosa di non gradito e che si sa non si utilizzerà mai è una circostanza che abbisogna di una soluzione!
Cosa fare allora, degli inutili regali ricevuti? Buttarli? Darli in beneficenza? O tenerli nell’armadio?Indubbiamente, buttarli o coprirli di polvere nell’armadio non è assolutamente il caso, in quanto trattasi comunque di oggetti acquistati e regalati con il cuore e spesso, talvolta si tratta di articoli che difficilmente sono utili da dare in beneficenza, ecco allora come risolvere il problema: RICICLARLI!
L’idea del riciclo,  è entrata infatti oramai nella normale routine della vita, considerando soprattutto il tempo di crisi in cui ormai si è entrati da tempo, ove risparmiare e riciclare, sono una vera e propria regola!

Vediamo quindi, alcuni semplici consigli, per riciclare correttamente un regalo poco gradito:
1) Assicurarsi anzitutto, che aprendo il regalo e maneggiandolo, questo non si sia rotto o scheggiato e che sia perfettamente funzionante.

2) Avere la sensibilità di riutilizzare il regalo, con una persona, che possa in qualche modo avere piacere di ricevere l’oggetto in questione, onde far ricominciare un nuovo ciclo di riutilizzo.

3) Controllare che sul regalo, non siano riportate  scritte compromettenti, tipo "prodotto non destinato alla vendita" e che quindi non sia mai stato acquistato ma ricevuto in omaggio.

4) Verificare quindi che l’oggetto in questione, non riporti le proprie iniziali e nel caso, stare attenti, a regalarlo a qualcuno che abbia le medesime iniziali.

5) Verificare inoltre, che il regalo in questione, non sia un pezzo unico, rispetto a cui, nel negozio di acquisto, sia stato dato il vostro nome.

6) Ricordarsi soprattutto, il nome di chi ha donato il regalo in questione, onde evitare di riciclarlo donandolo proprio al mittente.

7) Ricordarsi di utilizzare quantomeno, sempre della carta nuova, per impacchettare il regalo usato o quanto meno, non usare la carta regalo di arrivo, onde evitare che sia già stato visto sotto al proprio albero di Natale.

8) Ricordarsi di donarlo ad una persona con cui non ci si è lamentati dello sgradito regalo ricevuto, onde evitare di fare una terribile gaffe.

9) Avere l’accortezza, di donare il regalo usato ad una persona, che non conosce o che non ha contatti diretti, con il mittente iniziale del regalo, onde evitare, che questi gli possa aver comunicato, l’oggetto dello sgradito regalo.

10) Riciclare i regali già dalle prime occasioni, approfittando di compleanni, ricorrenze e feste, onde evitare di accumularli in casa, fino al prossimo Natale.

Buon riciclo e Buon Anno Nuovo!

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

23 dicembre 2016

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia