5 consigli per organizzare le vacanze fai da te senza sbagliare

Dedicato a voi siciliani che volete andare in viaggio in un luogo diverso dalla vostra bella terra

14 giugno 2017
5 consigli per organizzare le vacanze fai da te senza sbagliare

Dedichiamo il seguente articolo a tutti quei siciliani che, avendo la fortuna di vivere in uno dei luoghi più belli del mondo, magari hanno voglia di spostarsi dal luogo natio e andare in vacanza in altri lidi, organizzando tutto da soli.
Come fare affinché tutto vada per il meglio, ve lo facciamo dire da Carla Diamanti, che di mestiere fa la travel designer (sì, avete letto bene, esiste un'occupazione che si chiama così!). Buona organizzazione e buon viaggio!

VACANZE FAI DA TE, 5 CONSIGLI PER NON SBAGLIARE
I grandi numeri delle vacanze, in fatto di acquisti e organizzazione, si giocano per la maggior parte on-line: questo dicono le statistiche.
In realtà, però, biglietti aerei/ferroviari e hotel non fanno tutta la vacanza, e anche per quelli ci sono comunque delle regole che sarebbe bene tenere a mente prima di fare prenotazioni e acquisti. Un aiuto in questo senso può venire dal travel designer: una figura di alto profilo un po' tour operator, un po' guida turistica, un po' docente, un po' geografo, un po' sarto. Sarto, sì, perché il viaggio - tailor made - lo cuce proprio addosso al viaggiatore.
Carla Diamanti è una delle più esperte travel designer in Italia, grazie a oltre 25 anni di esperienza in giro per il mondo, a un gran numero di guide scritte, e a centinaia di viaggi "disegnati" sia per singoli viaggiatori, sia per i grandi tour operator.
È lei a regalare 5 semplici ma importanti consigli a tutti coloro che si accingono a navigare on-line per organizzare la propria vacanza.

CONSIGLIO N. 1: La vacanza "fuori stagione" (occhio al calendario) - Per ogni luogo c'è una stagione giusta per visitarlo. Ma può capitare che non corrisponda al periodo delle ferie, o alle vacanze scolastiche e allora bisogna adattarsi e fare in modo che la vacanza sia riuscita anche "fuori stagione". E non è solo una questione di meteo: occhio alle ore di luce, alle festività locali, alle chiusure e alle aperture, alle temperature e agli spostamenti (alcuni servizi potrebbero essere interrotti in determinati mesi). Ad esempio, se volete andare per caves (cantine) nella regione dello Champagne, in Francia, ricordate che molte hanno dei periodi di chiusura "tecnica" durante l'anno.

CONSIGLIO N. 2: imparare a leggere (leggete tra le righe) - Internet pullula di siti di consigli di viaggio. Chi li scrive potrebbe non essere un professionista, avere una visione troppo parziale, non sapere usare gli strumenti giusti per valutare. Oppure avere un'idea di viaggio diversa dalla vostra. Cercate quindi di capire chi sta scrivendo, le sue competenze, di leggere fra le righe e, soprattutto, di imparare a usare i contenuti. Stessa cosa per gli acquisti di biglietti online: non date per scontato che il prezzo che pubblicano sia il migliore in assoluto. Vi consiglio di passare in agenzia e verificare i prezzi anche con la loro biglietteria.

CONSIGLIO N. 3: preparare ogni dettaglio (perché non ci tornerete) - In un luogo non ci si torna due volte, almeno nella maggior parte dei casi. Meglio tenerne conto, quando si organizza da soli un viaggio. Così si evita di arrivare in una città e scoprire che sarebbe stato meglio arrivare un giorno prima, rimanere a bocca asciutta perché un museo è chiuso oppure perché soltanto una settimana dopo avreste potuto vedere un festival unico. Insomma, leggete molto prima di partire per la vostra destinazione.

CONSIGLIO N. 4: calcolare le distanze (non solo in km) - E i tempi di spostamento. Tenendo conto che quando non si conosce un posto ci si mette di più a trovarlo, che il centro città potrebbe essere chiuso al traffico in alcune fasce orarie, che l'unico parcheggio disponibile non è proprio vicino, che nelle ore di punta la circolazione è difficile e che i tragitti più lunghi vanno interrotti con pause frequenti. E non dimenticate di verificare i limiti di velocità. Creta, ad esempio, ha distanze da Nord a Sud piuttosto brevi, ma le strade e il territorio hanno l'effetto di raddoppiare i tempi normali di percorrenza. Il deserto dello Utah, tutta un'altra storia...

CONSIGLIO N. 5: conoscere la destinazione (cosa troverete) - Per evitare di rimanere delusi o di dover cambiare meta, meglio informarsi bene. La stagione turistica in Islanda, ad esempio, dura pochissimo, i posti letto sono limitati e i turisti tantissimi. Organizzatevi per tempo. Se cercate un'esperienza autentica aggiungete tappe meno battute ai percorsi più classici controllando sempre, però, la presenza di adeguate strutture di accoglienza. La Birmania, ad esempio, è in pieno boom turistico ma difficilmente troverete hotel di lusso, se li volete. [Fonte: ANSA Life style]

14 giugno 2017

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia