Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

A Palermo, il Museo di Casa Professa apre gli armadi...

Per un percorso non solo turistico ma anche di "cammino interiore", da credente o da laico

14 settembre 2021
A Palermo, il Museo di Casa Professa apre gli armadi...
  • Hai una struttura ricettiva o un'attività turistica che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Nuovi spazi e nuove opere in bella vista per chi vuole, attraverso l'arte, fare un percorso non solo turistico, ma anche di "cammino interiore" da credente o da laico.

Il Museo di Casa Professa, all'interno della Chiesa del Gesù, in piazza Casa Professa a Palermo, a pochi metri dal mercato di Ballarò, apre i suoi armadi, ampliando la sua offerta per i visitatori da tutto il mondo.

L'abside centrale e l'altare della Chiesa del Gesù

  • Vuoi soggiornare a Palermo? Trova le strutture ricettive presenti in città - CLICCA QUI

Da oggi, grazie a inedite e nuove letture mistagogiche, è possibile, sperimentare un'esperienza immersiva attraverso la contemplazione delle opere d'arte in essa contenute, realizzate dai più importanti artisti della feconda scena della seconda metà del Seicento palermitano: Gioacchino Vitaliano, Antonio Grano, Camillo Camilliani, Ignazio Marabitti e Giacomo Serpotta.

La parola diviene immagine e l'immagine ha il compito di rendere visibile l'invisibile, rendere presente l'assente. Entrare nella scena narrata equivale per il fedele a esserci.

Da sinistra: ostensorio in argento ad opera di Antonio Nicchi (1736), pisside in argento sbalzato, inciso e cesellato del XVII ad opera di Sebastiano Juvarra, calice in argento del sec. XVII ad opera di un argentieri catanese.

  • Vuoi scoprire i musei e le gallerie d'arte di Palermo e dintorni? CLICCA QUI

Il patrimonio storico artistico del Museo di Casa Professa è costituito da opere di pittura, scultura e arte decorativa proveniente dalla Chiesa del Gesù e dalla Casa annessa, da vari collegi siciliani della Compagnia del Gesù, ma anche da donazioni private. Attraverso queste importanti opere d'arte è possibile ricucire la storia stessa dell'Ordine dei Gesuiti, la sua complessa cultura intrisa di profondi riferimenti simbolici, ma anche la storia stessa di Palermo e della sua identità religiosa.

La sacrestia di Casa Professa

  • Vuoi conoscere le associazioni artistiche e culturali del palermitano? CLICCA QUI

Il percorso museale alla scoperta dell'arte dei Gesuiti in Sicilia, che rappresenta un continuum tra la chiesa nell'abside centrale e il museo vero e proprio, comincia dalla sacrestia, tra paramenti liturgici di età barocca e "paliotti" ornati da minuziosissimi grani di corallo, tra maioliche proveniente da tutta Italia, preziosissime suppellettili liturgiche e opere pittoriche. 

Paliotto "Trionfo della fede. La Fede guida la povera" (1626)

Non bisogna dimenticare poi la Cripta, raggiungibile scendendo una breve rampa che porta a un antro sotterraneo che immette alla desueta area di sepoltura riservata ai padri gesuiti. Il luogo è identificato anche con il nome di Antro di San Calogero in riferimento all'antica chiesa ipogea di "San Calogero in Thermis" che, secondo la tradizione, era dimora e luogo di preghiera del Beato Calogero vissuto a Palermo nel Quarto secolo Dopo Cristo.

La Cripta di Casa Professa

Sempre all'interno del museo è possibile ritrovare uno degli oratori meno conosciuti ma tra i più intimi e affascinanti di Palermo: l'oratorio del Sabato

Il Museo di Casa Professa è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 13,30. Il sabato: dalle 9,30 alle 13,30, dalle 15,30 alle 18,30 e dalle 20,30 alle 23,30.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 settembre 2021
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE