Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Ben trovata Caretta caretta!

La stagione della nidificazione della tartaruga marina è cominciata positivamente: saranno tante le tartarughine che cominceranno la loro vita dal mare siciliano

16 giugno 2020
Ben trovata Caretta caretta!
  • Hai una struttura ricettiva o un'attività turistica che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Il 16 giugno si è celebrata la Giornata mondiale delle tartarughe marine, ricorrenza che inaugura la stagione delle nidificazioni. Già da diversi giorni i volontari del Wwf e di Legambiente sono impegnati lungo le coste italiane nell’attività di monitoraggio dei segnali lasciati dalle mamme tartarughe, così da scoprire e difendere i nidi che, negli ultimi anni, sono aumentati, in particolar modo in Sicilia.

Nell’Isola, infatti, nidificano i fenicotteri, negli ultimi anni è tornata la foca monaca (si è appurato che questa sverna nelle Egadi) ed è stata ricolonizzata dalle tartarughe Caretta caretta.

Tartaruga Caretta caretta

Questa stagione 2020 si è aperta con dei segnali che fanno ben sperare, visto che in pochi giorni in provincia di Siracusa e Ragusa sono già stati individuati e messi in sicurezza ben 5 nidi di Caretta caretta.

È sicuramente frutto dell’impegno che in questi ultimi anni le varie associazioni hanno intensificato per la difesa ambientale di uno dei territori più importanti dell’intero Mediterraneo. Risultati che hanno fatto bene anche al turismo che, in certi segmenti, continua a maturare una coscienza diversa rivolta sempre di più alla sostenibilità e al rispetto per la natura.

  • Scopri i parchi e le riserve naturali siciliane nelle zone di tuo interesse - CLICCA QUI

La Caretta caretta che ama la Sicilia

Tartaruga Caretta caretta

La tartaruga marina appartenente alla specie Caretta caretta è la più diffusa nei nostri mari ed è l’unica che ancora depone le uova sulle spiagge siciliane e italiane.

Solitamente queste tartarughe depongono le uova - che variano per numero da 80 a 120 e sono piccole come palline da ping pong - in primavera inoltrata e nei mesi più caldi dell’estate, da maggio ad agosto, e sempre a notte fonda. A operazione ultimata, la tartaruga ricopre la buca in cui ha deposto le sue preziose uova e torna in mare.

Tartarughine Caretta caretta

La schiusa avviene dopo 2 mesi e i piccoli, che misurano circa 5 centimetri di lunghezza al momento dell’uscita dal nido, dopo aver scavato fino alla superficie si avviano verso il mare. Il sesso dei nascituri è determinato dalla temperatura a cui sono state incubate le uova.

Tartarughina Caretta caretta

La Sicilia negli ultimi anni può vantare una nidificazione quasi regolare lungo la costa meridionale. Nelle spiagge della Riserva di Torre Salsa - nell’Agrigentino - ad esempio, il lieto evento si ripete ogni anno. Le schiuse interessano anche le spiagge di Priolo Gargallo, nel Siracusano, e la spiaggia di Santa Maria del Focallo, a Ispica (Ragusa).

Negli anni passati la nascita di piccole tartarughine è avvenuta anche nella zona di Calatabiano e nella spiaggia di Vaccarizzo, nel Catanese. Famosi per le deposizioni di uova sono anche l’arcipelago di Lampedusa e l’isola di Linosa, e in particolare la spiaggia dei Conigli e quella di Pozzolana di Ponente.

Insomma, anni di attività di informazione e sensibilizzazione sembrano, finalmente, dare i loro frutti. Pescatori, bagnanti e cittadini, sempre più responsabili e attenti all’ambiente, hanno favorito la ricolonizzazione sui litorali siciliani di uno dei simboli del Mediterraneo.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

16 giugno 2020

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE