Cachi, Kaki, loto o diospiro

È la stagione del frutto squisito, ottimo anche come ingrediente nella preparazione di dolci

02 novembre 2016
Cachi, Kaki, loto o diospiro

Siamo in autunno, è tempo di cachi! Succulento, vivace e buonissimo, il cachi è il frutto di una pianta di origine asiatica, chiamata anche loto o diospiro, giunta in Europa alla fine del diciannovesimo secolo e oggi largamente diffusa, nelle sue diverse qualità.
Questo gustoso frutto è detto anche Kaki, (la voce è di origine giapponese), mentre il singolare "caco" non si usa.
Va mangiato a completa maturazione, soprattutto per gustarne appieno le qualità organolettiche; fornisce all'organismo proteine vegetali e vitamine (A, B1 e B2).

Il cachi non solo è squisito come "frutto-dessert", ma è anche ottimo ingrediente nella preparazione di dolci.
E a proposito, per voi qualche ricetta...

BUDINO AI CACHI
Ingredienti per quattro/cinque persone:
800 g di ricotta
200 g di nocciole tritate
2 cucchiai e mezzo di zucchero
15 g di gelatina in fogli
5 cachi maturi
1 bustina di vanillina
2 cucchiai di rum
cannella in polvere
Fate ammorbidire la gelatina in acqua fredda per 5 minuti, scolatela bene e fatela sciogliere nel rum scaldato. Lavorate la ricotta con lo zucchero e 150 g di nocciole, poi unite la gelatina sciolta e mescolate bene. Distribuite il composto in 5 stampi individuali e lasciate condensare in frigo per un paio di ore. Sbucciate i cachi e frullateli, unite la vanillina, 12 cucchiaino di cannella e il rum rimasto, fate scaldare il tutto per un paio di minuti. Sformate i budini, cospargeteli con le nocciole rimaste e servite accompagnando con la salsina di cachi preparata, leggermente scaldata.

DESSERT AI CACHI
Ingredienti per quattro persone:
250 g di pasta sfoglia
80 g di zucchero a velo
4 piccoli cachi
500 g di latte 
200 g di nocciole sgusciate
g 50 di zucchero
un cachi
Nel frullatore unite il latte con le nocciole, frullate il tutto, poi lasciate riposare per un paio d'ore. Filtrate il composto e aggregatevi 30 g di zucchero, poi fate bollire la salsa di nocciole per 2'. Nel frattempo stendete la pasta sfoglia, con una forchetta fate dei piccoli buchi, allargatela su una placca, infornatela a 200° per 20' circa, quindi ricavatene 8 dischi di cm 12 di diametro, spolverizzatene 4 con poco zucchero a velo e per ultimo passateli al grill per farli caramellare. Tagliate i piccoli cachi a fettine, spolverizzateli con il resto dello zucchero a velo e passateli al grill.
A questo punto preparate una seconda salsa, frullando un grosso cachi con lo zucchero e poi facendo intiepidire il tutto. Versate nei piatti un po' delle due salse, adagiatevi le sfogliatine formate da 2 dischi e farcite con i cachi canditi; infine decorate con le nocciole tritate.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

02 novembre 2016

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia