Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Come la pandemia ha cambiato le esigenze di mobilità dei siciliani

Tra nuove paure, necessità e abitudini. Qual è la nuova normalità automobilistica in Sicilia?

09 ottobre 2020
Come la pandemia ha cambiato le esigenze di mobilità dei siciliani
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Verso una nuova normalità: come la pandemia ha cambiato le esigenze di mobilità dei siciliani tra nuove paure, necessità e abitudini.

La seconda edizione dell'Osservatorio Mobilità e Sicurezza realizzato da Continental, cerca di rispondere a queste temi tracciando una fotografia del vissuto, delle percezioni e delle aspettative degli utenti della strada oggi e nel prossimo futuro.

Per offrire uno spaccato completo dell'Italia, regione per regione, di come la pandemia ha cambiato le persone e come l'industry automotive sta reagendo al cambiamento, Continental si è affidato ai due importanti istituti di ricerca Euromedia Research e Ernst & Young.

Come si muovono i siciliani in epoca Covid

  • Vuoi revisionare la tua auto? Trova l'autofficina specializzata più vicina a te - CLICCA QUI

In questo momento di ricerca di una nuova normalità e di convivenza con il Covid-19, l'automobile è ritenuta dal 71,2% dei siciliani il mezzo più sicuro con cui muoversi. Un dato rilevante, spiegabile soprattutto dai sentimenti negativi di ansia (29,3%) e di paura (20%) che accompagnano gli abitanti dell'isola e che sono il motivo principale dei loro cambiamenti di abitudini.

Il 36,1% degli intervistati dichiarano di spostarsi in modo differente rispetto al periodo pre Covid-19, di questi il 54,1% per timore di prendere i mezzi pubblici o per una più generica paura di uscire di casa 12,2%.

  • Stai cercando ricambi e componenti auto? Trova il punto vendita più vicino a te - CLICCA QUI

Da sottolineare anche una riduzione drastica degli spostamenti (25,7%) e del conseguente bisogno di mobilità soprattutto a causa della perdita del lavoro o della cassa integrazione (14,9%).

La domanda sorge spontanea: queste nuove abitudini sono destinate a perdurare nel tempo?

In linea con i risultati ottenuto a livello nazionale, anche i siciliani non prevedono di tornare alle abitudini pre-covid a breve. L'83,8% manterrà le nuove abitudini "sicure" di spostamento anche in autunno e in inverno, il 70,3% anche quando sarà finita la pandemia e arriverà il vaccino.

La centralità dell'automobile

  • Vuoi comprare un auto nuova? Trova la concessionaria più vicina a te - CLICCA QUI

Dal cambio delle abitudini e dalle intenzioni di comportamento futuro emerge una mobilità che ha ancora, al centro, l'automobile come il principale e prescelto mezzo di trasporto. Un mezzo che gli intervistati desiderano sostenibile sia dal punto di vista economico che da quello ambientale e in grado di garantire spostamenti sicuri, efficienti e puliti.

Ma i siciliani sono orientati ad acquistare un nuovo veicolo e a cambiare quello attuale?

Il 74,1% dice di no, o per motivi economici (il 42,1% del sub campione) o perché ritiene ancora affidabile il proprio mezzo (21,1%) o ancora per la mancanza di incentivi adeguati (8,6%).

  • Vuoi acquistare un autoveicolo elettrico? Trova il rivenditore più vicino a te - CLICCA QUI

Lo scenario cambia radicalmente davanti all'ipotesi di poter usufruire di incentivi per l'acquisto di nuovi autoveicoli ecologici: in presenza di aiuti da parte dello Stato o delle Regioni, oltre la metà dell'isola (70,7%) si dichiara propenso ad utilizzarli e cambiare la propria auto.

Il 28,3% sceglierebbe un autoveicolo elettrico, il 18,9% ad alimentazione ibrido benzina, il 16,9% un'auto ad alimentazione ibrido plug-in e il 15,1% un mezzo a benzina.

La trasformazione delle città

In previsione di un ritorno alla completa "normalità", si avverte la necessità di ripensare la struttura, le viabilità e le infrastrutture delle città. Ben il 71,2% dei siciliani infatti desidera una mobilità fatta di sostenibilità vera che rispetti l'ambiente e che veda come protagonisti autoveicoli sicuri ed ecologicamente "puliti", e non una mobilità fatta di monopattini elettrici, mono-ruota o biciclette (20%).

Consultati sulle misure utili per mantenere le città decongestionate dal traffico e più vivibili da un punto di vista di qualità dell'aria, il 49,3% degli intervistati suggerisce il potenziamento dello smartworking e dei servizi di prossimità, il 36,6% un maggior sostegno al trasporto pubblico, il 32,2% consiglia di puntare sull'elettrificazione dei veicoli infine il 25,9% punta sulla pianificazione degli orari di ingresso nel lavoro, nelle scuole.

Questo desiderio di trasformazione però si scontra con la percezione della maggioranza delle persone (64,9%) che crede che il proprio Comune non sia ancora pronto ad accogliere questi cambiamenti di tipo sociale e strutturale.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

09 ottobre 2020
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE