Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
 Cookie

Conoscete il Museo dei Carretti Siciliani "Gullotti"?

A Bronte c'è un museo "casalingo" nato dalla passione familiare di una stirpe di carrettieri

04 ottobre 2022
Conoscete il Museo dei Carretti Siciliani ''Gullotti''?
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Come la città di Roma ha il suo Colosseo, Parigi la sua Torre Eiffel, New York la sua Statua della Libertà, la Sicilia ha un propria meraviglia identificativa: il Carretto Siciliano, uno dei simboli più conosciuti e significativi dell'iconografia folcloristica della Sicilia… 

Una passione nata da bambino. Appartenente a una stirpe di carrettieri, Alfredo Gullotti è stato da sempre attratto dal Carretto Siciliano, forse l'unico mezzo di trasporto al mondo dipinto come un opera d'arte.

"Mio nonno e il bisnonno sono stati carrettieri, e io anziché privarmi dei loro strumenti di lavoro ho deciso di salvarli ed esporli".
Così è nato il Museo del Carretto Siciliano "Gullotti", in una rimessa della sua proprietà sita in Contrada Cantera, a Bronte, poco distante dalla Locanda del Carrettiere che gestisce con la moglie Lorenza.

Museo del Carretto Siciliano "Gullotti"

  • Stai cercando artigianato artistico siciliano? Trova le botteghe più vicine a te  - CLICCA QUI

Qui si possono ammirare quaranta esemplari perfettamente conservati e quattrocento reperti, tra pezzi di ricambio, sponde e ruote. Un museo della memoria, "così che i bambini siciliani - dice Alfredo - sapranno sempre cosa ha portato in dono al mondo la vanità dei siciliani". Sì perché, secondo Alfredo, è stata proprio la "vanità" a spingere i proprietari di carretti a intagliarli e decorarli in modo che risultassero più belli rispetto a quelli dei colleghi.

Museo del Carretto Siciliano "Gullotti"

  • Vuoi conoscere i migliori maestri intagliatori ed ebanisti di Sicilia? CLICCA QUI

Opere d'arte con le ruote, Alfio è solito chiamare i carretti "veicoli di trasmissione culturale" e, nel suo caso specifico, anche familiare visto che i carretti esposti sono appartenuti al capostipite, Don Carmelo Gullotti, al figlio Pippo e infine ai nipoti Carmelo, Biagio e lui.
I Gullotti, nell'arco di sessanta anni hanno raccolto carrozze, calessi, sponde, ruote, pennacchi e ornamenti dei cavalli, tutte espressioni del folklore di questa parte della Sicilia e del mondo (ormai scomparso) del Carretto Siciliano e dei suoi Carrettieri.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 ottobre 2022
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia