Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Dal brevetto del Velocipede all'aumento del bike sharing a Palermo…

Duecento e passa anni di storia del mezzo di trasporto più amato di tutti i tempi, sempre più amato

19 giugno 2020
Dal brevetto del Velocipede all'aumento del bike sharing a Palermo…
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI
  • Vuoi comprare una bicicletta? Trova il negozio più vicino a te - CLICCA QUI

Duecentotre anni fa, nel mese di giugno, il barone tedesco Karl Drais von Sauerbronn ideava e costruiva la "draisina", un mezzo composto da legno ed elementi in ferro, costituito da un essenziale telaio con ruote fisse e senza alcun pedale.

Due anni dopo, sempre a giugno, il signor W. K. Clarkson Jr registrava negli Stati Uniti il primo brevetto per un "Velocipede", un veicolo tutto in legno, con le due ruote uguali, una specie di proboscide all'indietro che faceva da manubrio, pedali e una sella tra i due assi.

Sono gli antenati della bicicletta, uno dei mezzi di trasporto più amato di tutti i tempi e che oggi viene percepito sempre di più come il mezzo della mobilità del domani, se, ovviamente si pensa ad un domani più green e sostenibile.

Il Velocipede, il mezzo di trasporto del domani!

  • Vuoi noleggiare una bicicletta? Trova il punto noleggio più vicino a te - CLICCA QUI

Guardando alcuni recentissimi dati, esistono elementi che fanno ben sperare possa realizzarsi un futuro ambientalmente migliore. Pensate che, nel mese di maggio in Europa Occidentale sono state immatricolate 623.812 auto rispetto al 1.444.173 dello stesso mese del 2019. Si parla dunque di un calo del 56,8%.

Effetto della pandemia e del conseguente lockdown. Sicuramente. Ma se andiamo a confrontare questi dati con quelli riguardanti la mobilità leggera, e nello specifico quelli della mobilità condivisa, la speranza per un mondo più pulito diventa ancora più vibrante.

In bicicletta a Palermo

A fronte di un tasso di mobilità (percentuale degli italiani mobili) che durante il lockdown è sceso dall'85% del 2019 al 32%, anche i servizi di sharing mobility hanno avuto un calo vistoso della domanda: in media dell'80%, in linea con il calo della mobilità italiana.

Ma, finito il lockdown, un'analisi compiuta dall'Osservatorio Nazionale Sharing Mobility su 12.688 cittadini di Roma, Milano, Torino, Bologna, Cagliari e Palermo, città dove sono presenti servizi di sharing mobility, che mette a confronto i valori del mese di maggio con quelli osservati a febbraio 2020, dimostra che bikesharing e monopattini in sharing, siano già tornati quasi ai livelli pre-Covid, recuperando nell'arco di sole 4 settimane rispettivamente 60 e 70 punti percentuali.

Insomma, agli italiani piacciono i servizi di mobilità condivisa e la sharing mobility piace particolarmente a Milano e Palermo!

BiciPa, il bike sharing a Palermo

  • Cerchi biciclette e accessori per il ciclismo? Trova l'articolo che fa per te - CLICCA QUI

Bicicletta, monopattino, pedonalità, bike sharing e car sharing stanno funzionando da alleati al trasporto pubblico dove, a causa del distanziamento sociale, bus, tram e metro viaggiano a capacità ridotta. Infatti, sempre secondo l'analisi, i servizi leggeri con biciclette, scooter e monopattini sono quelli preferiti in questo momento e sono percepiti come buona alternativa al calo della domanda del trasporto pubblico e un alleato delle città per limitare la congestione.

Il Velocipede contemporaneo...

È brutto dirlo, lo sappiamo, ma la pandemia, ridisegnando il contesto sociale ed economico, ha sortito un effetto positivo nell'ecosistema mobilità: clienti, operatori, istituzioni, nessuno è escluso dall'esigenza di reinterpretare in maniera sostenibile il modo con cui si pensa alla mobilità. Di fatto e aumentata la propensione all'utilizzo di servizi di mobilità leggera e condivisa e la sensibilità verso le tematiche ambientali, economiche e di sicurezza. E questo è un bene.

Il barone Karl Drais von Sauerbronn e il signor W. K. Clarkson Jr sarebbero veramente contenti.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 giugno 2020

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE