Due associazioni di Agrigento e Palermo tra i vincitori dell'Aviva Community Fund

Prosegue il grande impegno della Compagnia nel non profit: donazioni per i progetti che si sono distinti nelle categorie salute, anziani e occupazione

23 maggio 2018
Due associazioni di Agrigento e Palermo tra i vincitori dell'Aviva Community Fund

Impatto sul territorio, fattibilità di realizzazione e capacità del progetto di risolvere un problema sentito dalla comunità: sono questi i criteri utilizzati per decretare i 10 vincitori della terza edizione dell'Aviva Community Fund, fondo benefico a favore delle organizzazioni non profit attive nelle comunità locali. L'iniziativa di Aviva, assicurazione tra i leader in Europa, ha visto oltre 500 progetti candidati e un totale di 89.000 euro stanziati per le associazioni vincitrici.
Dopo una fase di votazione online che ha decretato i 21 finalisti e raccolto oltre 1 milione di voti, una giuria composta da membri di Aviva, giornalisti ed esperti del Terzo settore, ha decretato i progetti assegnatari dei finanziamenti. Le dieci associazioni premiate con donazioni di 15.000, 8.000 e 5.000 € operano nel settore della salute, degli anziani e dell'occupazione e sono distribuite su tutto il territorio italiano con progetti che rispondono alle specifiche esigenze delle comunità di AGRIGENTO, Cosenza, Empoli, Firenze, Macerata, PALERMO, Pesaro, Torino, Verona e Vicenza. Le idee presentate prevedono diverse attività: dall'inclusione di ragazzi e adulti con disabilità, al reinserimento lavorativo per donne vittime di violenza, al sostegno degli anziani.

I due progetti siciliani meritevoli del premio dell'Aviva Community Fund.

"NONNI FELICI" (8.000€ - Numero di voti: 11.020) progetto della Confraternita di Misericordia (Campobello di Licata - Ag)
Il progetto "Nonni Felici" mira ad intensificare e ampliare i servizi agli anziani attualmente offerti dall'associazione come accompagnamento per visite specialistiche e per attività quotidiane/commissioni nonché organizzazione di momenti di socializzazione e animazione.
Dall'analisi approfondita del contesto e da esperienza diretta, emerge che il quadro socio-economico del Comune di Campobello di Licata è in declino, poiché è sempre più frequente il fenomeno migratorio di giovani in cerca di lavoro. A pagarne le conseguenze sono le fasce più deboli: anziani e disabili. Gli ultrasessantacinquenni sono circa il 22,4% della popolazione residente, di cui il 55,2% è rappresentato da donne (fonte: Istat). Tale invecchiamento accresce ed intensifica la domanda di assistenza. Inoltre, alcuni anziani, pur essendo ancora fisicamente autonomi, si trovano in condizioni estreme di solitudine e di emarginazione, eleggendo così l'ambiente domestico a luogo centrale ed esclusivo di vita.
Con la presente proposta si vuole migliorare la qualità di vita dell'anziano sul piano funzionale, sociale ed emozionale intensificando ed ampliando i servizi attualmente offerti dalla Confraternita Misericordia (unica realtà che allo stato attuale è in grado di colmare le lacune e le deficienze dell'amministrazione locale). I servizi da erogare sono i seguenti:

  • accompagnamento per visite specialistiche fuori città, per attività quotidiane, come fare la spesa, andare dal medico, in farmacia, all'ufficio postale, al cimitero a fare visita ai propri cari, nei luoghi di ritrovo;
  • disbrigo pratiche come ritiro di certificati e farmaci, prescrizione di ricette mediche;
  • organizzazione momenti di socializzazione e animazione presso la nostra sede con relativo servizio di trasporto.

Al fine di garantire la sostenibilità della proposta nel tempo si sperimenteranno modalità innovative come la "Silver Carta" che darà la possibilità di fruire di servizi specifici e accedere a sconti.
La donazione di Aviva fungerà da volano per avviare nuovi servizi e attività in favore degli anziani. Una volta esaurita la donazione, la sostenibilità e continuità del progetto nel tempo sarà garantita attraverso:

  • la realizzazione e promozione di una raccolta di tradizioni paesane, ricette di cucina, racconti del passato, leggende, storie, detti popolari;
  • la realizzazione di una lotteria paesana con i gadget che saranno realizzati durante i laboratori attivati;
  • il contributo degli sponsor della "Silver Card" che faranno parte della lista delle attività commerciali presso le quali gli anziani avranno diritto a sconti e servizi specifici.

Altresì, si cercherà di utilizzare altri canali di finanziamento: fondi pubblici (bandi nazionali e locali), donazioni private, cinque per mille, eventuale co-finanziamento da parte degli utenti.

"I nonni del parco" (5.000€ - Numero di voti: 7.893) progetto dell'Associazione Parco Uditore Cooperativa Sociale di Palermo
Il progetto punta sull’organizzazione di attività di intrattenimento estivo riservato agli over 60, con particolare attenzione agli anziani residenti nelle comunità alloggio, con l’inserimento di occupazioni a cui parteciperanno anche ragazzi (es. utilizzo dello smartphone). Con l’input dell’Aviva Community fund si vuole delineare una strategia di risposta e d'intervento adeguata all'esigenza di recupero delle relazioni e della solidarietà intergenerazionale.
Dai corsi di ginnastica dolce agli appuntamenti di informazione sul benessere e la salute con esperti e professionisti, dagli aperitivi musicali ai tornei di burraco e di bocce. E ancora, attività mattutine che i nostri "nonni" svolgeranno con i nostri bimbi e ragazzi, dai corsi di ceramica a quelli per l'utilizzo dello smartphone. Da giugno a settembre gli operatori dell’associazione si occuperanno di stilare un calendario settimanale di attività da proporre agli anziani che vorranno diventare "i nonni del Parco" in modo gratuito, semplice e alla portata di tutti. In questo modo l’Ass. Parco Uditore intende dare il suo contributo anche attraverso l'ausilio di psicologi ed esperti, per sostenere l'invecchiamento attivo e la qualità della vita delle persone anziane, doppiamente necessario in un quartiere periferico come quello di pertinenza del Parco Uditore, in cui spesso degrado sociale e difficoltà economiche rendono la vita di chi non è più giovane ed energico, confinata in una realtà territoriale culturalmente poco stimolante.
Il progetto sarà interamente finanziato da Aviva, solo laddove sarà necessario, e laddove le risorse della donazione non siano sufficienti, la cooperativa interverrà attraverso risorse interne per compensare eventuali eccedenze di costi al fine di far sì che le attività si possano svolgere al meglio.

Ulteriori informazioni su tutti i progetti vincitori sono disponibili al sito www.avivacommunityfund.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

23 maggio 2018

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia