Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Ecco come scaricare (fiscalmente) i nostri animali domestici

Sconto fiscale animali domestici 2022: quali spese sono coperte e qual è l'importo massimo previsto

03 maggio 2022
Ecco come scaricare (fiscalmente) i nostri animali domestici
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Quasi tutti lo chiamano "bonus animali domestici", ma in realtà si tratta di uno sconto fiscale in parte già conosciuto da chi possiede cani o gatti. Da un paio di anni, infatti, la legge prevede la possibilità di detrazione fiscale per spese veterinarie su animali da compagnia o tenuti per pratica sportiva.

  • Stai cercando un veterinario per il tuo amico a 4 zampe? Trova lo specialista più vicino a te - CLICCA QUI

Quest'anno il rimborso massimo è aumentato ad 80 euro su una spesa di 550. Ebbene, al di là di come si voglia chiamarlo, in giorni di dichiarazione dei redditi e avendo in casa un amico a 4 zampe, sicuramente torna utile avere le istruzioni per chiedere il rimborso.

Di seguito trovate tre risposte per chiarire il meccanismo.

Quali spese si possono detrarre?

  • Stai cercando articoli e alimenti per il tuo cane? Trova il negozio più vicino a te - CLICCA QUI

Ai fini del rimborso e della detrazione fiscale del 19% nella dichiarazione dei redditi, valgono le spese veterinarie per cani e gatti, quindi: 

  • analisi di laboratorio per accertamenti veterinari
  • interventi chirurgici eseguiti da strutture veterinarie specializzate
  • medicinali per la cura dell’animale prescritti dal medico veterinario

 

Come si richiede e a chi spetta la detrazione?

  • Cerchi un centro servizi per il tuo amico a 4 zampe? Trova quello più vicino a te - CLICCA QUI

L'agevolazione può essere richiesta una sola volta da tutti i cittadini italiani, senza limite di ISEE. Bisogna però aver superato la franchigia di 129,11 euro.

Possono fare domanda i tutori legali dell'animale. Nel caso dei cani, basterà presentare la documentazione della sua iscrizione all'Anagrafe Canina e quella relativa al microchip. Se, invece, si tratta di gatti bisogna dotarlo di microchip o presentare la fattura dell'acquisto nel caso in cui l'animale fosse stato acquistato.

  • Cerchi un centro di toelettatura per il tuo pet? Trova quello più vicino a te - CLICCA QUI

Per ottenere lo scoto fiscale è necessario compilare gli appositi campi dei modelli utilizzati per la dichiarazione dei redditi.

Chi presenta il modello 730 dovrà indicare le spese veterinarie all'interno della sezione I, rigo da E8 a E10 "Altre spese"Il codice è il "29" per le spese veterinarie che riguardano la cura di animali legalmente detenuti per compagnia o per pratica sportiva.
Nel modello Redditi invece le spese per cani e gatti devono essere indicate nei righi da RP8 a RP13. Pure in questo caso il codice da utilizzare è il "29".

Come documentare le spese?

  • Stai cercando articoli e alimenti per il tuo animale domestico? Trova il negozio più vicino a te - CLICCA QUI

Le spese devono essere tracciabili, dunque bisogna presentare fattura o scontrino con codice fiscale. In alternativa bisogna pagare con carta di credito o bancomat.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 maggio 2022
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia