FlixBus per l'estate ha investito sulla Sicilia

Fino a settembre previsto un potenziamento straordinario delle rotte verso la Regione, un modo per valorizzare il patrimonio culturale locale

19 luglio 2019
FlixBus per l'estate ha investito sulla Sicilia

Il Mezzogiorno possiede il 78% delle coste italiane, ospita i tre quarti del territorio appartenente a parchi nazionali e accoglie più della metà dei siti archeologici e quasi un quarto dei musei presenti nel Paese.

Ciononostante, i dati diffusi da Istat nel novembre 2018 sul movimento turistico in Italia nell'anno precedente denunciano l'esistenza di un divario tra le potenzialità del territorio e le presenze turistiche effettivamente registrate: nel 2017, solo il 18% degli Italiani ha trascorso le proprie vacanze al Sud, a cui si aggiunge un 7% di presenze registrate nelle isole[1].

Da una ricerca svolta da ProDemos nel dicembre 2018, inoltre, emerge un profondo scollamento tra potenziale turistico e flussi di viaggiatori internazionali: nel 2017, infatti, "la spesa degli stranieri nel Mezzogiorno era pari ad appena il 15% del totale", a vantaggio del Nord Est e del Centro che risultano intercettare la maggior parte delle presenze turistiche straniere[2].

In linea con la volontà di livellare i divari evidenziati e promuovere il patrimonio culturale locale, FlixBus ha predisposto, per tutta l'estate, un massiccio potenziamento delle frequenze sulle rotte verso il Sud, offrendo ai propri passeggeri una soluzione ancora più capillare per raggiungere non solo le principali città del Mezzogiorno, ma anche borghi meno conosciuti e destinazioni balneari minori. Nell'ambito di tale potenziamento, un focus importante è sulla Sicilia, dove FlixBus raggiunge già oltre 30 città.

Da Palermo ai Monti Iblei, tutti i potenziamenti per l'estate sulle linee dirette in Sicilia

Da Palermo ai Monti Iblei, tutti i potenziamenti per l'estate sulle linee dirette in Sicilia

In un'ottica di potenziamento delle rotte verso le mete chiave del patrimonio culturale e artistico italiano, la Sicilia, ovviamente, ha ricevuto un'attenzione particolare.

Innanzitutto, è stato predisposto un numero aggiuntivo di autobus sui collegamenti diretti a Catania, Messina, Ragusa e Agrigento, allo scopo di incentivare l'arrivo di nuovi visitatori da alcune delle principali città italiane: tra i collegamenti potenziati, quelli provenienti da Roma, Milano, Napoli, Bologna e da varie località della Calabria.

A tale potenziamento si affiancano le connessioni operative con Palermo, Siracusa, Caltanissetta, Enna e Trapani, con cui il leader europeo della mobilità in autobus si prefigge l'obiettivo di veicolare un numero crescente di turisti verso ciascuna delle nove province dell'isola.

E non sono solo i capoluoghi di provincia a giovare del potenziamento messo in atto da FlixBus per la valorizzazione del Sud Italia: sono state, infatti, potenziate anche le connessioni con varie località costiere, come Acireale, Mazara del Vallo, Cefalù e Ispica, oltre che verso destinazioni di richiamo per il turismo culturale, come Modica, Alcamo, Sciacca e Caltagirone.

È soprattutto sulle relazioni tra Roma e la Sicilia che FlixBus ha scelto di scommettere per l'estate 2019, anche a fronte dello status della capitale di snodo nevralgico di interscambio all'interno del suo network, in grado di intercettare i flussi di visitatori in arrivo anche dall'estero e contribuire a consacrare la Sicilia come meta preferenziale del turismo internazionale.

[1] Istat, Report Movimento Turistico anno 2017

[2] ProDemos, Turismo in Italia: numeri e potenziale di sviluppo

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 luglio 2019

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia