I due fratelli catanesi che realizzano i robot amici dei bambini autistici

La storia della startup siciliana, Behaviour Labs, specializzata in robotica, realtà virtuale e aumentata nei settori salute e benessere

25 gennaio 2019
I due fratelli catanesi che realizzano i robot amici dei bambini autistici

In primo piano Nao, Zeno, Daniele e Marco Lombardo e due dei loro collaboratori (Credits Alberto Bevilacqua)

Un robot per amico, un piccolo robot che si rapporta, interagisce, raccoglie i tuoi segreti e soprattutto è pronto ad aiutarti nelle difficoltà. È il sogno di ogni bambino, per quelli autistici può diventare anche un mezzo per relazionarsi con il mondo che li circonda, per comprenderlo e acquisire maggiore conoscenza e consapevolezza del sé e dell'altro. Ricerca e tecnologia si stanno muovendo in questa direzione.

Due fratelli catanesi quarantenni, periti informatici, lavorano per realizzare questo sogno. Si chiamano Daniele (46 anni ) e Marco (41) Lombardo hanno un cuginetto autistico e due genitori che sono anche insegnanti di sostegno.

Dopo una ventina di anni di attività come dipendenti, Daniele e Marco hanno deciso di mettersi in proprio e nel 2012 hanno creato la startup Behaviour Labs, specializzata in robotica, realtà virtuale e aumentata nei settori salute e benessere. Con un occhio particolare alla cura dei disturbi del comportamento e dell'autismo. E proprio RoboMate, la loro "invenzione" di supporto robotico per la cura dell'autismo, è quella più apprezzata.

Zeno e Nao, i due robot del Behavior Labs di Daniele e Marco Lombardo

Dice Daniele Lombardo intervistato dal quotidiano La Sicilia: "Behaviour in inglese significa comportamento, nome scelto per 2 motivi: perché programmiamo robot e quindi quando si crea un software per un robot si crea un behaviour, un comportamento, perché il robot cammina, vede, sente, parla.

Marco e Daniele Lombardo e il cugino Giuseppe Pennisi, socio della Behaviour Labs

Ma anche perché con i nostri referenti scientifici dell'università di Enna e dell'università Iulm di Milano, studiamo il comportamento umano, ovvero i deficit del neuro-sviluppo infantile, al fine di programmare i robot come ausilio. Quindi c'è un doppio studio: del comportamento dei bambini affetti da deficit del neuro-sviluppo al fine di programmare il comportamento del robot che possa essere di aiuto".

La piattaforma RoboMate è in uso in centri di ricerca, cooperative sociali, e terapisti e all'Asp 3 di Catania. Il robot serve a migliorare l'interazione con l'umano: "Il robot in quanto tale è infatti un grandissimo catalizzatore dell'attenzione, soprattutto in bambini con autismo - spiegano i suoi creatori -. Uno dei problemi è infatti catturare la loro attenzione, in quanto si isolano in un mondo interiore tutto loro e non comunicano con gli altri umani, perché per loro l'essere umano da un lato non è interessante così come può esserlo un oggetto e dall'altro li manda in sovra-stimolazione (l'essere umano fa contemporaneamente troppe cose).

Un primo piano di Zeno

Il robot, invece, siccome è altamente prevedibile diventa un mezzo per abituarli all'interazione con l'essere umano: diciamo che la tecnologia è una tappa di avvicinamento verso la realtà. Compito del terapista, insegnante o genitore è far capire al soggetto autistico che il robot è governato dall'adulto che gli sta accanto e lui deve triangolare sull'adulto per chiedere che il robot faccia determinate cose, il che lo induce a interagire con l'umano per usare il robot".

Due versioni di Nao, il robot della Behaviour Labs

"Abbiamo fatto già test su una ventina di bambini e gli insegnanti si sono commossi perché i bambini con i robot facevano da subito cose che non facevano quando erano in classe con loro: ad esempio, un bambino con deficit verbale si sforzava di parlare per interagire col robot". Il robot, a scuola, può essere usato anche come medium d'inclusione dei bimbi neuro diversi che diventando gli esperti del robot, fanno da tutor agli altri compagni.

Un altro prodotto di Behaviour Labs è la parete interattiva, evoluzione tecnologica delle lavagne interattive. "Noi proiettiamo contenuti sulla parete della classe: quindi l'immagine è molto grande e il bambino con i gesti interagisce con questi contenuti, che sono ancora una volta nell'ottica della stimolazione cognitiva, comportamentale e della formazione".

Nao e Zeno - Behaviour Labs

Robot e parete interattiva sono i due prodotti di questo esempio di eccellenza tecnologica in Sicilia: per i primi, i costi base si aggirano sui 15mila euro, per la seconda circa 6-7mila euro. Prodotti con i quali l'azienda - nata con un primo finanziamento di 25mila euro ricevuto da Tim nel 2013, "prestiti bancari personali e il supporto di piccoli investitori" - si autosostiene.

[Fonte: www.pernoiautistici.com]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

25 gennaio 2019

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia