Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il cappero (di Pantelleria) ci salverà dal Covid19

La quercetina del cappero contrasta il Covid-19. Il Parco di Pantelleria invita ad un'alimentazione mediterranea

07 settembre 2020
Il cappero (di Pantelleria) ci salverà dal Covid19
  • Hai un'azienda agricola che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Dopo la pubblicazione sull'"International Journal of Biological Macromolecules" della scoperta che la quercetina, contenuta in vegetali comuni come capperi, cipolla rossa e radicchio, è in grado di destabilizzare una delle proteine fondamentali per la replicazione del virus Covid19, nell'isola di Pantelleria così come nelle Isole Eolie - territori di grandi coltivazioni di capperi esportati in tutto il mondo - si esulta per il prevedibile "boom" di richieste che ci sarà.

Tra l'altro, mentre il cappero di Pantelleria ha ricevuto l'Indicazione geografica protetta (Igp) nel 1996, l'Unione Europea ha riconosciuto recentemente la Denominazione di origine protetta (Dop) al cappero delle Isole Eolie (LEGGI), 

Pantelleria, capperi e Dieta mediterranea

  • Stai cercando prodotti tipici Siciliani? Trovali tra le nostre aziende registrate - CLICCA QUI

Covid Free durante il lockdown - con zero casi di contagio - l'isola di Pantelleria ha di che gioire con la sua grande produzione di capperi ricchi di quercetina.

Il Parco Nazionale di Pantelleria ha dunque rilanciato gli esiti della ricerca internazionale - al quale ha partecipato il Cnr-Nanotec di Cosenza, supportato dalla Fundación hna spagnola), per ribadire il potenziale agroalimentare e di benessere d'isola che, grazie alla sua ricchezza in termini di biodiversità ed equilibrio con l'ambiente naturale, può offrire vere eccellenze, a partire dalla tavola.

Insalata Pantesca

  • Stai cercando aromi, erbe e spezie? Trova le migliori specialità siciliane - CLICCA QUI

Un invito aperto, quindi, a prevenire partendo dall'alimentazione, con una soluzione efficace che offre la Dieta Mediterranea che, fra gli altri, include l'insalata pantesca, il pesto di capperi, i primi e i secondi piatti della tradizione isolana che si afferma in tutta la sua salubrità, conosciuta da sempre dalla cultura contadina dell'Isola.

Pianta perenne che cresce, con pochissima acqua, tra i muri a secco e le rocce vulcaniche, le coltivazioni di cappero realizzate sui tradizionali terrazzamenti fanno bene anche al territorio e il suo fiore bianco così caratteristico fa bene all'anima.

Il fiore del cappero

Delle proprietà medicamentose del cappero ne parlavano già gli antichi. La letteratura officinale ne esalta le proprietà anti-ossidanti, anti-infiammatorie, anti-allergiche e anti-proliferative. In generale è considerato tonico, stimolante e dalle proprietà digestive.

Alimentazione, corretti stili di vita e sviluppo sostenibile, proprio in questo periodo di pandemia, hanno dimostrato il loro ruolo essenziale per la salute della collettività e del Pianeta.

La ricetta dell'insalata pantesca

Capperi di Pantelleria - ph Martina Rosselli

Ingredienti per 4 persone: 4 patate medie; 16 pomodori di Pachino Igp; 2 cucchiai di olive scure (denocciolate o no, come preferite); 1 manciata di capperi di Pantelleria Igp sotto sale; 2 cipolle rosse di Tropea; olio extravergine di oliva; timo; basilico; origano; sale; 2 bicchieri di aceto di vino.

Procedimento - Per prima fate lessare le patate ancora con la buccia in una pentola con abbondante acqua salata. Quando i rebbi della forchetta penetreranno facilmente nella pasta delle patate, scolatele. Sbucciatele e riducetele a quadrotti. Nel frattempo tagliate le cipolle, lasciatele a macerare in un piatto con l'aceto per almeno 30 minuti, perché perdano il sapore forte. Mettete i capperi in un colino e sciacquateli bene. Asciugateli con della carta assorbente. Prendete i pomodori pachino, lavateli e tagliateli a metà. In una ciotola unite le patate, i pomodori, le cipolle sgocciolate, le olive, i capperi e le erbe aromatiche. Condite con sale e olio e lasciate riposare in frigo per circa 30 minuti prima di servire, in modo che i sapori si amalgamino bene.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 settembre 2020

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE