Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il futuro post-Covid visto con gli occhi dei ragazzi

Due grandi P si stagliano all'orizzonte: Paura e Pessimismo. Ma i giovani non rinunciano al proprio futuro

17 febbraio 2021
Il futuro post-Covid visto con gli occhi dei ragazzi
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Paura e pessimismo, purtroppo, aumentano tra i giovani italiani in una società resa ancor più critica e negativa dalla crisi generale seguita alla diffusione del Covid-19.
1 giovane su 2 dichiara peggiorata la propria condizione e 1 su 4 è preoccupato per il proprio lavoro più di ogni altra cosa, tanto che in molti si vedono costretti ad accettare posizioni lavorative non alla loro altezza o a emigrare all'estero.

Il futuro post-Covid visto con gli occhi dei ragazzi

È il quadro delineato da una ricerca* condotta per il nuovo Osservatorio sulle Giovani Generazioni di Flowe, società benefit del Gruppo Bancario Mediolanum che mira a educare i giovani sui temi dell'innovazione e della sostenibilità economica, sociale e ambientale.

Il futuro post-Covid visto con gli occhi dei ragazzi

  • Stai cercando un centro per l'impiego? Trova quello nella zona di tuo interesse - CLICCA QUI

Il futuro è avvertito dai giovani come incerto, ma resta ferma per loro l'importanza del mondo lavorativo: il 47,9% considera il lavoro come l'aspetto prioritario per il proprio futuro, superiore anche all'importanza data ad amici (45,4%) e famiglia (44,9%).

La disillusione verso la società italiana e lo scoraggiamento verso il mondo del lavoro sono forti: 2 ragazzi su 3 dicono di dover accettare lavori non all'altezza (64,4%) e di vedere la scelta del lavoro all'estero come una necessità (62,7%).

  • Hai bisogno di un supporto psicologico? Trova gli specialisti più vicini a te - CLICCA QUI

Circa la metà degli intervistati (44,8%) dichiara che la situazione è peggiorata rispetto al 2019 (per il 12,2% è, addirittura, molto peggiorata) e prevale un sentiment negativo, con alto pessimismo (40% rispetto al 33% di ottimismo) e paura (38,6% rispetto al 31,8% di serenità), che i ragazzi associano alla crisi economica, sanitaria e sociale derivata dalla pandemia.

  • Stai cercando associazioni artistiche, culturali e ricreative? Trova quelle più vicine a te - CLICCA QUI

L'80,8% degli intervistati si dichiara preoccupato per il futuro del mondo (il 42,6% è molto preoccupato), il 66,4% è preoccupato per il proprio futuro (22% molto preoccupato) e il 54,2% è preoccupato per il futuro della famiglia (15,6% molto preoccupato).

Emergono come impattanti a livello personale i problemi economici e di lavoro (25,6%), seguiti, al secondo, posto, dalla salute (15,8%) e, al terzo posto, dalle ricadute psicologiche del Covid-19 (ansia, depressione e solitudine: preoccupazione per il 10,6% degli intervistati).

Allargando lo sguardo a una sfera più generale, i problemi più sentiti sono la crisi economico-finanziaria internazionale (per il 77,1), il cambiamento dell'economia mondiale (peggiorati secondo il 72,8%), la debolezza o l'assenza di relazioni e la solitudine (70,5%), la salute (61,6%) e l'ambiente (55,7%).

  • Vuoi informazioni sulle università e sugli istituti superiori presenti in Sicilia? CLICCA QUI

Alle preoccupazioni non si associa però scoraggiamento e i ragazzi non sembrano disposti ad arrendersi, ma avvertono il futuro come una propria responsabilità: il 71,9% degli intervistati credono, infatti, che la qualità della vita che li attende dipenda da sé, dalle proprie scelte e dal proprio impegno.

La speranza sembra però emergere maggiormente quando si pensa ad un futuro a lungo termine, come a dire che superata la crisi tornerà il "sereno" nelle nostre vite: pensando al futuro fra 5 anni, infatti, l'ottimismo prevale sul pessimismo (38,8% vs 33,0%) così come la serenità sulla paura (36,8% vs 31,8%).

*Ricerca condotta tra il 16 e il 20 novembre 2020 attraverso 1.000 interviste online a un campione di 15-50enni in Italia. I dati qui considerati sono relativi ai soli intervistati di età compresa tra i 15 e i 30 anni.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 febbraio 2021
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE