Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

L'impatto di un anno di pandemia sugli italiani

Cosa abbiamo perso? Cosa abbiamo imparato? Come siamo cambiati? Guidapsicologi.it prova a rispondere

14 aprile 2021
L'impatto di un anno di pandemia sugli italiani
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Dopo un anno di pademia è tempo di bilanci, di capire quali sono stati gli apprendimenti più importanti, quali le perdite più difficili da recuperare, come ci si prende cura di sé e come sia cambiato in profondità il nostro quotidiano, sempre più esposto a una relazione estenuante con i dispositivi tecnologici.

  • Hai bisogno di un supporto psicologico? Trova gli specialisti più vicini a te - CLICCA QUI

Gli esperti di Guidapsicologi.it hanno svolto un'indagine tra gli utenti per conoscere lo stato attuale dei pensieri e delle sensazioni degli italiani, dopo un anno di grandi fatiche e di grandi cambiamenti, che ci ha colti di sorpresa e ha alterato la nostra quotidianità, creandone una totalmente nuova con la quale, poco a poco, stiamo imparando a convivere.

Il grande problema del sonno

Il grande problema del sonno

  • Stai cercando prodotti rilassanti naturali? Trova l'erboristeria più vicina a te - CLICCA QUI​

Com'è ben noto, i pensieri e le preoccupazioni tolgono il sonno. E in questo periodo, i motivi per avere difficoltà a conciliare il sonno non sono pochi. La conferma arriva dai dati: il 65% degli italiani ha difficoltà a conciliare il sonno, solo il restante 35% afferma di non avere nessuna difficoltà ad addormentarsi e che riposa perfettamente.

Ma quali sono i rimedi più diffusi per combattere l'insonnia? Per il 66% di coloro che hanno difficoltà a dormire, il rimedio sono i medicinali, mentre per il restante 34% sono sufficienti tecniche di rilassamento.

Prendersi cura di sé. Che cosa significa

Prendersi cura di sé. Che cosa significa

  • Stai cercando prodotti alimentari biologici? Trova le aziende più vicine a te - CLICCA QUI

Prendersi cura di sé è un concetto molto personale. In quest'ultimo anno, anche la cura di sé è stata oggetto di cambi di rotta, più o meno repentini. Si tratta di normali evoluzioni, perché a seconda dei momenti e dell'umore il nostro corpo e la nostra mente ci domandano attenzioni diverse: per questo è importante imparare a sviluppare un ascolto attivo di sé.

La maggior parte degli intervistati per prendersi cura di sé sceglie di adottare uno stile di vita sano, praticando sport, mantenendosi attivi e mangiando in modo corretto ed equilibrato (43%), mentre c'è chi preferisce sottoscrivere una polizza sanitaria (36%) e chi infine considera l'affetto e la vicinanza degli amici come la più efficace delle medicine (21%).

Il 2020 ci ha insegnato a volerci più bene

Il 2020 ci ha insegnato a volerci più bene

  • Secondo te volersi bene è anche leggere un buon libro? Trova le librerie più vicine a te - CLICCA QUI

Il 2020 è stato un anno di rivoluzioni interiori, che hanno portato a più o meno grandi cambiamenti. Ciò che è certo è che dai momenti di difficoltà possiamo trarre importanti insegnamenti. Non a caso in questi mesi si è parlato molto di resilienza, ovvero la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà.

A questo proposito, la buona notizia è che il 64% degli intervistati ha imparato a volersi più bene. Un passo importante a livello relazionale, tipico dei momenti di difficoltà, è stato quello di scoprire chi sono i veri amici, come confermato dal 13%. Molto realista e con poca voglia di alimentare speranze, il 23% degli intervistati pensa che la più grande lezione di questa pandemia è che non si possono fare progetti.

Cosa perdiamo: equilibrio mentale, curiosità e spontaneità

  • Hai bisogno di un supporto psicologico? Trova gli specialisti più vicini a te - CLICCA QUI

Davanti alla richiesta di identificare una cosa persa che non tornerà per un po', al primo posto troviamo l'equilibrio mentale (36%), segue la curiosità e la voglia di viaggiare per il mondo (33%) e infine la spontaneità nella relazione con gli altri (31%).
È il quadro esatto di quest'anno, nel quale l'equilibrio emotivo ha vacillato così tanto che adesso viene messa in discussione la spontaneità nell'approccio con gli altri e viene meno la voglia di conoscere e esplorare posti nuovi.

Si è intensificata la relazione con i dispositivi tecnologici

  • Vuoi acquistare computer, tablet e accessori informatici? Trova il negozio più vicino a te - CLICCA QUI

In quest'ultimo anno la relazione con la tecnologia, in generale, è aumentata. Ad affermarlo è il 54% degli intervistati, che si sono trovati da un giorno all'altro a sostituire riunioni e incontri fisici con i loro equivalenti virtuali. Per il 40% la relazione con smartphone, tablet, pc e social network è rimasta invariata, mentre per una piccola parte, il 6%, riconosce la necessità di disconnettersi da questa forte esposizione alle nuove tecnologie.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 aprile 2021
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE