Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

La prima Comunità del cambiamento di Slow Food è in Sicilia

A Partinico (PA), in un fondo confiscato alla mafia, nascerà la food forest delle cooperative Valdibella e NoE

30 novembre 2020
La prima Comunità del cambiamento di Slow Food è in Sicilia
  • Hai un'azienda agricola che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

È a Partinico, trenta chilometri a sud-ovest di Palermo, la prima Comunità del cambiamento di Slow Food. Ad animarla sono due realtà siciliane: Valdibella, cooperativa agricola attiva nella vicina Camporeale dal 1998, e NoE (No Emarginazione), cooperativa sociale che dal 1993 si occupa di inclusione sociale di persone portatrici di handicap.

A sostenere economicamente il progetto, invece, è FPT Industrial, marchio che fa parte del gruppo CNH Industrial, che ha immediatamente scelto di sposarne la causa.

Cooperativa sociale NoE (No Emarginazione) - ph Michael Calabrò
Foto di Michael Calabrò

  • Vuoi conoscere le migliori aziende agricole della Sicilia? CLICCA QUI

La storia ci riporta indietro al 1998, quando NoE ricevette in affidamento un fondo proveniente dalla confisca alla mafia. Una superficie di poco più di cinque ettari che presto diventerà una food forest, una foresta commestibile.
Che cosa significa? Che quell'area verrà convertita in un sistema agroforestale nel quale troveranno spazio diverse specie di piante, alcune destinate a produrre cibo e altre semplicemente ad arricchire la biodiversità necessaria a mantenere in equilibrio l'ambiente.

Biodiversità al centro


Foto di Michael Calabrò

L'idea è nata negli ultimi mesi, tra maggio e giugno. Il progetto prevede la piantumazione di circa 1500 alberi - tra cui olivi, frassini da manna, avocadi, agrumi, noci -, la nascita di un giardino mediterraneo e l'allestimento di un'area orticola.

  • Cerchi il miele siciliano più buono? Trova le aziende apistiche più vicine a te - CLICCA QUI

Non solo: ci sarà un biolago per la gestione delle acque reflue fitodepurate, un'area di compostaggio e verranno piantate siepi che offriranno protezione dal vento e dagli incendi. Parola d'ordine: biodiversità. Lo dimostra anche la volontà di destinare un'area a querce, corbezzoli, ginestre, rose canine, mirti e biancospini, piante che rappresentano risorse alimentari per le api.

Coniugare impegno sociale e sostenibilità economica


Foto di Michael Calabrò

La Comunità del cambiamento non riguarda però solo l'aspetto agricolo e paesaggistico-ambientale. Il progetto ha infatti una forte impronta sociale, perché in tutte le fasi della filiera produttiva (dal campo alla trasformazione della materia prima) saranno coinvolte persone svantaggiate.


Foto di Michael Calabrò

"Uscire dalle classiche logiche di mercato è possibile - dice Massimiliano Solano, presidente della cooperativa Valdibella -, e la nostra esperienza lo dimostra. La cooperazione consente di rendere molte attività economicamente valide. I prezzi medi ai quali i nostri soci vendono i propri prodotti è molto più alto di quello corrisposto a colleghi che lo fanno fuori da Valdibella".

  • Stai cercando associazioni di volontariato e solidarietà in Sicilia? CLICCA QUI

Il segreto? "Cerchiamo di costruire una filiera fatta solamente di produttori e consumatori, coinvolgendo questi ultimi nelle decisioni che riguardano la produzione: insieme ai nostri partner decideremo cosa e quanto produrre, evitando gli sprechi. Tutto ciò che sta tra la produzione e il consumo, cioè trasformazione, trasporto, stoccaggio e consegna, non può dettare le condizioni e i prezzi, ma deve rappresentare un servizio all'agricoltura".

"Quando il progetto sarà realizzato il cambiamento sarà evidente" commenta Francesco Sottile, del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. "Saranno coinvolti giovani, saranno integrati alcuni portatori di fragilità che potranno toccare con mano il lavoro e la produzione. E nascerà una comunità di consumatori pronti a sostenere la produzione agricola creando sviluppo basato sulla responsabilità e la consapevolezza. Una comunità che parte dai territori e ai territori destina strumenti di sviluppo creando un percorso virtuoso che sarà irreversibile".


Foto di Michael Calabrò

  • Devi comprare o riparare macchine agricole? Trova le aziende specializzate più vicina a te - CLICCA QUI

Per sostenere le Comunità del cambiamento Slow Food ha avviato una raccolta fondi rivolta a istituzioni, fondazioni e aziende private. Tra i primi entusiasti finanziatori c'è FPT Industrial, che progetta, produce e commercializza motori industriali utilizzati anche in macchinari agricoli.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 novembre 2020
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE