La Sicilia al "Maker Faire Rome" con 5 progetti innovativi

Rivoluzione digitale made in Sicily presente al più grande evento europeo sull'innovazione e sull'impresa 4.0

15 novembre 2017
La Sicilia al Maker Faire Rome con 5 progetti innovativi

Torna, con numeri sempre più imponenti e attrazioni sorprendenti, l’atteso appuntamento con "Maker Faire Rome - The European Edition 4.0", manifestazione giunta alla sua quinta edizione. Il più grande evento europeo sull’innovazione e sull’impresa 4.0 si svolgerà dall’1 al 3 dicembre 2017 presso la Fiera di Roma.
Con 7 padiglioni a disposizione, per oltre 100mila mq di estensione, Maker Faire Rome si conferma la fiera dove prende forma la rivoluzione digitale, il luogo della ribalta dedicato alle famiglie, ai bambini e a tutti gli appassionati di innovazione, ma anche il format consolidato per le aziende e gli innovatori di professione che utilizzano la cultura digitale come mezzo per affrontare le nuove sfide dei mercati.
Quest’anno, prioritario e centrale è il tema dell’impresa 4.0. Con l’approccio pratico e il linguaggio chiaro che la contraddistingue, Maker Faire Rome intende aiutare il pubblico (composto in buona misura anche da professionisti e imprenditori) a comprendere l’argomento attraverso esempi, simulazioni reali, testimonianze (workshop e seminari).
Tanti, attuali e coinvolgenti gli altri temi della quinta edizione. Si va dall’Internet delle cose alla manifattura digitale fino all’agricoltura 4.0, passando per il cibo del futuro alla sensoristica; mobilità smart, riciclo e riuso, edilizia sostenibile; robotica; realtà virtuale e aumentata, salute e benessere; scienza e biotecnologie[www.makerfairerome.eu]

Anche la SICILIA è presente alla Maker Faire Rome 2017 con 5 rivoluzionari progetti.

C A T A N I A

"Ortuino" - Ortuino nasce dall'idea di riavvicinare i bambini che vivono in città al verde e di far vivere a mamma/papà e figlio un'esperienza condivisa. Al fine di soddisfare queste due esigenze, è stato creato un kit adatto sia ad occupare spazi interni che esterni di un appartamento cittadino, dotato di tutta una serie di elementi che rendono autonomo l'utente nella gestione del suo orto. Un orto "intelligente" perché un cuore pulsante costituito da una scheda elettronica collegata a dei sensori, permette di calcolare la quantità di umidità del terreno, l'esposizione alla luce e la temperatura. Meccanismo che non è stato concepito per essere totalmente automatizzato. Richiede, infatti, che l'utente prema dei bottoni per controllare lo stato delle sue piante ed eventualmente prendersi cura di loro. Oltre al kit, è stata pensata una piattaforma digitale per i genitori che possono interagire con le altre famiglie tramite una community, conoscere news ed eventi inerenti al tema degli orti urbani, controllare lo stato della pianta ed istruire il proprio figlio attraverso una serie di giochi educativi.
È un progetto di Agnese Cunsolo, designer UX/UI di 28 anni. Lavora in un'agenzia pubblicitaria e si occupa della comunicazione all'interno del gruppo e del design del kit "Ortuino". Può contare sul supporto di Olga Barbieri, illustratrice 29enne che attualmente lavora presso una famosa azienda che realizza mattonelle in mosaico e che per Ortuino segue la parte educativa e lo sviluppo del design. Infine, Giulio Taverna, un maker fin dalla nascita probabilmente! La sua passione del fare e sperimentare è stata molto utile ad Ortuino. Si occupa di tutti i componenti elettronici e della programmazione della scheda Arduino
. [www.ortuino.it]

M E S S I N A

"Sistema di elaborazione ternario con innovativo BUS multiplo" - Il progetto proposto consiste di tre parti fondamentali: 1) Una CPU (Control Process Unit) Ternaria, operante in base 3 invece che in base 2 (attualmente la CPU viene emulata su una scheda tipo BeagleBone e i segnali di I/O vengono convertiti in segnali ternari da appositi circuiti). Questa CPU gestisce 16 linee per i dati, 9 linee per gli indirizzi e 3 linee per il controllo del BUS. 2) RAM Ternaria (anche in questo caso la RAM viene emulata su un'altra scheda tipo BeagleBone) 3) BUS di comunicazione multiplo. Un BUS particolare che consente con poche linee di comunicazione (una sola nel caso del prototipo) di concentrare tutte le linee in uscita dalla CPU e trasmette tutti i dati ternari (trit) in maniera contemporanea dalla CPU alla Memoria o viceversa. Rappresenta la vera innovazione del sistema; si vuole infatti dimostrare la possibilità di trasmettere un certo numero di informazioni di base (trit) in maniera contemporanea su un numero ridotto di linee. Si noti che la trasmissione/ricezione dei dati NON avviene serialmente.
Il progetto è di Claudio La Rosa, 42 anni, docente di informatica in provincia di Monza e Brianza, si diletta a migliorare l'architettura dei calcolatori.

C A T A N I A

"Momo - The Home Genius" - È un assistente per la casa mosso da Intelligenza Artificiale, integrato in una elegante lampada - disegnata e prodotta in Italia - che completa l'arredo degli ambienti dove viene inserito. Progettato per la sicurezza autonoma e il comfort abitativo, Momo analizza e monitora l'ambiente che lo circonda con i sensori integrati al suo interno e la sua telecamera che ruota a 360°, che ci sia qualcuno in casa o meno. Momo ha la capacità di riconoscere le persone, i nostri famigliari o amici, il layout degli ambienti e suoni sospetti che potrebbero indicare anomalie. Imparando i comportamenti dei suoi utilizzatori, Momo si adatta a ciascun stile di vita rendendo gli spazi più sicuri tramite la gestione intelligente degli stessi. Momo agisce anche come un super hub che gestisce non solo i dispositivi della smart home, ma anche dei sistemi che utilizzano tecnologie di trasmissione wireless. Inoltre, i dispositivi e gli elettrodomestici tradizionali possono essere gestiti da Momo tramite prese di corrente connesse. Infatti, Momo è in grado di controllare ed organizzare l'uso di molteplici strumenti e dispositivi, rendendo più confortevole l'abitazione. È utile anche per il controllo degli sprechi e la gestione dell'energia, la gestione degli scenari luminosi in base alle attività svolte e molto altro.
È un progetto pilota di Morpheos, una startup innovativa in campo ICT, fondata da un team di ingegneri informatici ed elettronici, designer e business manager. La startup sviluppa algoritmi software di Intelligenza Artificiale e dispositivi che ambiscono ad avere un impatto concreto sulla qualità della vita delle persone. Nel tempo ha raccolto partnership di rilievo come STMicroelectronics, Nuance, Microsoft e l’Università degli Studi di Catania. [www.morpheos.eu]

C A T A N I A

"Hubotics, robotics for human beings" - È un esoscheletro indossabile per arti superiori per persone affette da disabilità motorie. Il sistema è stato sviluppato sia per persone che necessitano una riabilitazione mediante movimenti intensivi sia per persone che necessitano assistenza agli arti superiori per la propria indipendenza, ma che non possono recarsi giornalmente presso centri di cura o permettersi i costosi strumenti attualmente disponibili sul mercato. Grazie all'uso di stampa 3D e hardware e software open-source, la meccanica e l'interfaccia di controllo del sistema possono essere facilmente personalizzati in funzione delle esigenze di vari utenti, mirando a rappresentare una valida soluzione adoperabile da molte persone con disabilità motorie.
Il team di questo progetto è composto dai fratelli Luca Randazzo e Chiara Randazzo, 30 e 28 anni. Luca è un ingegnere robotico che ha studiato a Catania e fra il Politecnico di Torino e il Politecnico di Milano. Ha svolto la sua tesi presso il NASA/Caltech Jet Propulsion Laboratory. Attualmente, lavora come ricercatore presso EPFL di Losanna dove sta sviluppando un esoscheletro per la mano controllato da EEG per applicazioni riabilitative. Chiara, sua sorella, lavora giornalmente con bambini con disabilità motorie e cognitive, provando a creare attività in grado di coinvolgerli nei loro ambienti e cerchie sociali e di aiutarli a partecipare attivamente alla loro vita quotidiana. [Hubotics su FB]

S I R A C U S A

"Io la stampa 3D la faccio così" - Il progetto è formato da un nuovo software di controllo e una scheda in grado di azionare i movimenti e tutto quello che serve per gestire una stampante 3D a tre assi. La scheda costruita in tecnologia PTH (Pin Through Hole) è di facile costruzione ed è riparabile. È dotata di 7 moduli di potenza per motori passo passo (3 per gli assi e 4 per gli estrusore), 2 piani riscaldati differenti, 2 ventole di raffreddamento ecc.ecc Il software è molto intuitivo ed è pieno di funzioni esclusive in grado di abilitare fino 4 quattro estrusori hardware e n estrusori software. L'utente inoltre non dovrà inserire nessuna riga extra nel file gcode generato dallo slicer per avviare la pulizia della testina di stampa, gestire il cambio del filo, la fermata ad un layer stabilito, ecc.ecc Il kit è montato in una stampante che probabilmente è la più piccola esistente a colori.
Questo progetto è di Roberto Saraceno, nato ad Augusta quarantotto anni fa. Studia da autodidatta la programmazione del Basic nel suo Commodore 64, ma anche l'elettronica leggendo alcune di riviste di elettronica del padre. Monta diverse scatole di montaggio e comincia a progettare le prime schede avvalendosi delle conoscenze acquisite. Successivamente realizza alcuni software che pubblica tramite riviste specializzate. Nel 2005 realizza un tool di sviluppo per microcontrollori PIC molto facile da usare soprattutto per i non esperti. Nel 2014 vede in funzione una delle prime stampanti 3D e decide di costruirne una. Si documenta su Internet sui modelli esistenti e costruisce una Prusa I3 montando il kit Arduino+Ramps 1.4. Progetta con un cad dei nuovi pezzi per assemblare un nuovo modello con delle modifiche e decide di usare l'esperienza acquisita nel campo dell'elettronica per progettare e costruire una nuova scheda.

Una nuova visione del Futuro - Maker Faire Rome (pdf)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

15 novembre 2017

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia