Ma perché il panettone dovremmo mangiarlo solo a Natale?

Per voi la ricetta del dolce natalizio più tipico, da fare in casa e mangiarlo quando se ne ha voglia!

27 novembre 2017
Ma perché il panettone dovremmo mangiarlo solo a Natale?

Il Panettone, tipico dolce natalizio della tradizione milanese (e sempre di più prodotto egregiamente anche in Sicilia!), è proprio buono.
Tradizione vuole che lo si mangi durante le feste natalizie.
Tutti perciò lo consumano a Natale e Capodanno, con un pò di sofferenza e di disgusto dato che in genere giunge in tavola alla fine di abbuffate pazzesche.
In realtà, il panettone è buono mangiarlo sempre, prima, durante e dopo le feste. Sono ottimi a colazione con il caffellatte, come spuntino, dopocena davanti alla TV (per chi la guarda).
Libidinosi se riempiti con una farcia di gelato, oppure a strati, con crema chantilly e/o crema di ricotta. Provate a stendere sulle singole fette una colata di cioccolata calda o di nutella...
Insomma, che goduria!

Per essere veramente alternativi allora, mangiamo il panettone adesso, quando manca ancora qualche settimana all'inizio delle feste.
Per essere alternativi - e anche un poco chic - imparate a prepararlo in casa.

Dosi per 4 panettoni:
600 gr. di farina, 110 gr. di lievito naturale, 5 gr. di lievito di birra, 120 gr di zucchero, 3 cucchiai di miele, 190 gr di burro, 8 tuorli di uovo, 150 gr. di uvetta, 50 gr. di arancia candita a cubetti, 5 gr di sale fino. (N.B.: per la lavorazione occorrono 50 gr. di farina e 20 gr. di burro).

Preparazione:
Prendete il lievito naturale, mettetelo in una ciotola, infarinatelo e copritelo con un panno.
Lasciatelo riposare in forno riscaldato e spento per almeno due ore.
Unite al lievito 50 gr. di farina e due/tre cucchiai di acqua tiepida, lavoratelo con le mani, ricopritelo con il panno e fatelo riposare per altre due ore in forno. Ripetete la stessa operazione un'altra volta.
Ammollate l'uvetta per 15 minuti in acqua tiepida, scolatela, asciugatela molto bene con un telo da cucina, infarinatela con due cucchiai di farina e scrollate via l'eccesso.
Rivestite una teglia con carta da forno. Setacciate in una ciotola 500 gr di farina, aggiungetevi il panetto di lievito e il lievito di birra sbriciolato. Sciogliete a fuoco lento lo zucchero ed il miele insieme a due cucchiai di acqua ed il sale.
Fondete 150 gr. di burro.
Lasciate stemperare sia il burro che l'impasto di zucchero e miele. Montate per 5 minuti con una frusta a mano i tuorli di uovo. Aggiunte nella ciotola della farina e lievito lo sciroppo di miele e zucchero i tuorli sbattuti lavorando il tutto con le mani. Trasferite l'impasto sul piano di lavoro precedentemente infarinato.
Lavoratelo energicamente con le mani almeno dieci minuti fino ad ottenere una pasta che si stacchi perfettamente dalle mani e dal piano di lavoro ed incorporatevi l'uvetta e i canditi lavorando l'impasto per ulteriori dieci minuti.
Dividete l'impasto in quattro parti uguali formando delle palle e mettetele sulla teglia preparata, ben distanziate tra loro.
Prendete la carta da forno e formatene quattro strisce che una volta piegate in due abbiano la stessa altezza delle palle di impasto e siano poco più lunghe del loro diametro.
Fate fondere due cucchiai di burro e con un pennello ungete le strisce da una sola parte, avvolgetele intorno alle palle d'impasto fermandolo con una pinzatrice all'estremità.
Lasciate lievitare 8 ore finché la pasta raddoppia di volume tenendo presente che la lievitazione deve avvenire in un luogo caldo.

Cottura:
Scaldate il forno a 220°.
Fondete 40 gr di burro rimasto.
Incidete le palle di pasta con un tagli a croce spennellandole con metà del burro fuso.
Mettete la teglia nel forno e cuocete per 5 minuti. Spennellate la superficie dei panettoni con il burro rimasto facendo attenzione a non estrarre completamente la teglia dal forno altrimenti i panettoni non cresceranno bene. Abbassate la temperatura del forno a 175° e proseguite la cottura per 30 minuti. La superficie dei panettoni deve essere di colore bruno dorato e i dolci devono assumere la caratteristica forma dei panettoni. Lasciate raffreddare i panettoni nel forno aperto avendo cura di eliminare le strisce di carta. 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 novembre 2017

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia