Settesoli sostiene Selinunte. E la illumina!

Raggiunto il primo traguardo dell'iniziativa creata da Cantine Settesoli. In Sicilia la prima concreta collaborazione tra pubblico privato

03 agosto 2017
Settesoli sostiene Selinunte. E la illumina!

"Sono felice di annunciare la sponsorizzazione Settesoli-Selinunte. Credo nello sviluppo agricolo e turistico del territorio, una grande opportunità di ricchezza per le nuove generazioni. Il vino Settesoli è ambasciatore del territorio in tutto il mondo e vuole contribuire alla notorietà dei Templi di Selinunte e al loro restauro. Abbiamo anche battuto difficoltà burocratiche e dopo più di un anno di lavoro siamo riusciti a firmare un contratto in cui un privato aiuta lo Stato ed i Beni Culturali. Spero questo apra le porte ad altri accordi che aiutino la manutenzione dei tanti beni culturali della Sicilia e lo sviluppo turistico."

Con queste parole Vito Varvaro, presidente di Cantine Settesoli, annunciava nel febbraio 2016 l’avvio del progetto "Settesoli sostiene Selinunte", per contribuire alla valorizzazione del parco archeologico. E lo ha fatto con una raccolta fondi: nei supermercati di tutta Italia, comprando le bottiglie, con l’apposito logo "Settesoli sostiene Selinunte", si destinano 10 centesimi di euro a Selinunte, con la confezione speciale da due bottiglie la donazione è di un euro. (LEGGI)

Nei giorni scorsi, il primo grande traguardo: una nuova luce per l’acropoli! Si tratta della realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione delle mura orientali del parco archeologico di Selinunte, mostrato al termine di una conferenza stampa, che si è svolta al baglio Florio. Nell’occasione, sono stati presentati i primi risultati e gli interventi realizzati attraverso l’accordo di sponsorizzazione e la campagna di raccolta fondi promossa dalla Cantina Settesoli e dall’assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana.
L’operazione ha previsto una sponsorizzazione di 22.000 euro, utilizzati per la realizzazione del nuovo impianto di illuminazione.

Ad oggi con l’iniziativa "Settesoli sostiene Selinunte" sono stati raccolti 120.000 euro, e si prevedono altre donazioni per realizzare ulteriori progetti per la valorizzazione del Parco. Già 42.000 euro sono stati destinati all’illuminazione del tempio C e alla realizzazione di un percorso pedonale che dalle mura orientali dell’acropoli condurrà allo stesso tempio, rendendone agevole l’accesso ai disabili.
«Abbiamo portato a termine il primo intervento, l’illuminazione della cinta muraria - ha detto il Presidente Vito Varvaro -. L’imponente fortificazione sul mare, che per secoli ha difeso la città greca, adesso splende con una nuova luce anche di notte con un effetto suggestivo che la valorizzerà. E aiuterà la promozione turistica del parco archeologico più grande d’Europa. Vogliamo restituire a Selinunte il suo antico splendore».

«La scelta di avviare una collaborazione pubblico-privato per realizzare a Selinunte importanti interventi di tipo strutturale ci trova pienamente favorevoli - ha precisato Enrico Caruso, direttore del Parco -. Questo intervento, insieme a quelli già programmati e in fase di realizzazione, consentiranno di dare un nuovo volto alle stesse rovine che risulteranno rinnovate e sicuramente più interessanti, in breve si verrà a creare una nuova visione del panorama storico-archeologico. Porteremo milioni di persone a conoscere questa meraviglioso angolo del mondo».

- www.settesolisostieneselinunte.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 agosto 2017

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia