Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Visto che per le feste dobbiamo rimanere a casa, perché non impariamo a fare il panettone?

Per voi la ricetta del dolce natalizio più tipico, da fare in casa e mangiarlo quando se ne ha voglia!

22 dicembre 2020
Visto che per le feste dobbiamo rimanere a casa, perché non impariamo a fare il panettone?
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Il Panettone, tipico dolce natalizio della pasticceria milanese (e sempre di più prodotto in maniera magistrale anche in Sicilia!), è proprio buono. Tradizione vuole che lo si mangi durante le feste natalizie, e perciò tutti perciò lo consumano a Natale e Capodanno, fino a quasi provarne nausea, dato che in genere giunge in tavola alla fine di abbuffate pazzesche.

  • Vuoi assaggiare i migliori panettoni della tradizione siciliana? Ecco dove comprarli - CLICCA QUI

In realtà, il panettone è buono mangiarlo sempre: prima, durante e dopo le feste. Sono ottimi a colazione con il caffellatte, come spuntino o dopocena, davanti alla TV. Libidinosi se riempiti con una farcia di gelato, oppure a strati, con crema chantilly e/o crema di ricotta. Provate a stendere sulle singole fette una colata di cioccolata calda o di nutella... Insomma, che goduria!

Panettone Gastronomico

  • Scopri le migliori pasticcerie siciliane - CLICCA QUI

E abbiamo accennato solo ad alcune possibiilità che si hanno di mangiare il Panettone dolce. Provate a declinarlo nella versione  salata e vedrete che vi innamorerete ancora di più di questo classico della gastronomia nostrana. Negli ultimi anni, infatti, il Panettone Gastronomico - un panettone classico senza canditi ed uvetta ma palmato di salse dai gusti differenti e arricchito da svariati salumi - ha preso sempre più piede, allargando l'immaginario dell'antica invenzione natalizia.

Anche il panettone gastronomico si mangia durante il periodo delle feste di Natale come aperitivo goloso, ma qua noi vogliamo proprio scardinare la tradizione e invitarvi a mangiare il panettone quando volete!

Be', direte voi, facile a dirsi e farlo vicino alle feste natalizie, durante le quali è semplice acquistare un panettone. Ma se lo avessi voluto mangiare a settembre? E se mi viene il desiderio a Marzo? Niente paura! imparate a prepararlo in casa proprio in questo periodo di feste (che, tra l'altro, ci vedrà forzatamente a casa). Noi vi diamo una mano dandovi la ricetta giusta...

Ingredienti:
500 gr. di farina; 200 gr. di zucchero; 4 uova; 3 tuorli; 160 gr. di burro; 15 gr. di lievito di birra; 1 cucchiaino di estratto di vaniglia; un bicchierino di marsala; 50 gr. di uvetta; 80 grammi di canditi (limone e arancia); scorza di limone; un pizzico di sale.

Per quello gastronomico diminuite le dosi di zucchero (10 gr.) e invece del miele aggiungete 5 gr. di malto. Non mettete uvetta e arancia candita. Tutt'al più, se volete, aggiungete una manciata di mandorle tostate, tritate grossolanamente, o dei pistacchi.

Preparazione
PRIMO IMPASTO:
sciogliete 10 gr. di lievito con l’acqua calda e unitelo a una parte della farina (circa 150 grammi). Impastate fino a ottenere un composto omogeneo e dategli la forma di una palla.
Prendete un coltello e tagliate l’impasto a croce. Avvolgetelo nella pellicola trasparente e riponetelo in una ciotola. Lasciatelo lievitare per un’ora in un luogo tiepido (circa 30°), finché non raddoppia il suo volume.

SECONDO IMPASTO: quando il volume sarà raddoppiato riprendete a lavorare l’impasto e aggiungete 150 gr. di farina, 2 uova intere e altri 5 grammi di lievito. Montate tutto nella planetaria con la frusta a gancio, oppure a mano.
Una volta che avrete ottenuto un impasto corposo e non appiccicoso, aggiungete 100 gr. di zucchero e fatelo assorbire bene.
A questo punto unite 60 gr. di burro ammorbidito e impastate finché non si sarà amalgamato.
Una volta fatto questo, mettetelo a lievitare come avete fatto prima, avvolgendolo nella pellicola e mettendolo in una ciotola coperta. Lasciatelo riposare altre 2 ore.

TERZO IMPASTO: a questo punto prendete il secondo impasto e aggiungete 2 uova intere, 3 tuorli e la farina rimasta (200 gr.). Impastate e aggiungete lo zucchero e un pizzico di sale. A quel punto ammorbidite il burro rimasto e incorporatelo impastando per almeno 10 minuti.

A parte, mettete l’uvetta a bagno nel marsala, facendola rinvenire e lavate i canditi. Asciugate il tutto e unitela all’impasto insieme alla scorza di limone grattugiata e l’essenza di vaniglia. Amalgamate tutto e mettete di nuovo a lievitare finché il composto non raddoppia ancora le sue dimensioni. Ci vorranno circa 2 o 3 ore.
Quando tutti gli ingredienti saranno assorbiti, prendete uno stampo di carta e foderatelo con la carta da forno. Lasciatelo lievitare finché non avrà raggiunto i bordi dello stampo e poi infornate.

COTTURA: dovete fare cuocere il vostro panettone a 180 °C in un forno preriscaldato e nel piano più basso insieme a una ciotolina piena d’acqua. Prima di infornarlo fate di nuovo un taglio a croce sull’impasto e metteteci una noce di burro dentro.
Lasciatelo cuocere per 45 minuti (ma ci può volere anche di più). Controllate la cottura con uno spiedino e poi toglietelo dal forno.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

22 dicembre 2020
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE