Cura del bruxismo Catania

disponibile
CONDIVIDI:

Il bruxismo è l’atto involontario di stringere i denti e digrignarli (sfregamento dei denti) , dovuto alla contrazione della muscolatura masticatoria. Il Bruxismo è considerato una delle principali malattie dei denti. Il bruxismo è provocato da stress, tensione nervosa e iperattività: il bruxismo e il serramento, infatti, rappresentano un modo per scaricare l’energia nervosa accumulata attraverso gli stress.
Serrare e digrignare i denti e' piuttosto frequente ai nostri giorni ed e' senz’altro in relazione con lo stress quotidiano cui siamo sottoposti. Il fenomeno indica, infatti, uno stato di forte nervosismo e, specie di notte, appare un metodo per scaricare le tensioni accumulate durante il giorno.
In genere ne sono vittima gli adulti, ma neppure i bambini sono risparmiati, (il bruxismo infantile è molto rumoroso) sempre più coinvolti dalla velocità dei tempi e da giochi iper-tecnologici, come i videogiochi, che impongono uno stato di perenne alta tensione. Un recente Studio ha dimostrato che il 50% della popolazione presenta tracce significative di usura dei denti dovuti al Bruxismo. Anche gli sportivi, che svolgono attività ad alta concentrazione, come ad esempio i piloti di auto e moto, soffrono di bruxismo. In poche parole più tensione, più bruxismo.

  

Cause. Oltre al fattore psicologico, il bruxismo può avere anche cause meccaniche dovute a:
• infraocclusione (mancanza di contatto)
• sopracontatti (eccesso di contatto che porta una deviazione dell’Articolazione Temporo-Mandibolare - ATM)
• mancata intercuspidazione (combaciamento).
Vi sono oggi varie ipotesi che correlano il bruxismo a:
1. Fattori locali: sono da ricercarsi in qualche interferenza nei contatti delle superfici tra i denti superiori e inferiori, causata da otturazioni o carie che alterano la struttura dei denti. Vanno anche inclusi alcuni fattori irritativi come le pericoronariti acute e le gengiviti.
2. Fattori sistemici: possono dipendere da parassiti intestinali, carenze nutrizionali, disturbi del sistema endocrino ed allergie.
3. Fattori psicologici: vengono qui considerati i disturbi della personalità ed eventuali condizioni di stress. Si è notato i bambini affetti da ritardo mentale o gravi disturbi neurologici (encefalopatie, paralisi cerebrali) tendono a soffrire di questo problema. Tra l'altro esso sembra anche correlato ad altri disturbi del sonno, come il parlare mentre si dorme, l'enuresi notturna (fare pipì a letto) e crampi notturni.
 

Sintomatologia. Basta mettersi davanti allo specchio con i denti allineati, le arcate chiuse. Se tutti i denti combaciano (canini e laterali) senza lasciare alcuno spazio, è già segno che state “digrignando”.
Per riuscire a capire se questo fenomeno avviene anche quando state dormendo, esistono diversi segnali indicatori:
• al risveglio si possono avvertire fastidiosi dolori muscolari
• sbadigliare risulta doloroso perché è difficile aprire al massimo la bocca
• al mattino fanno male tutti i denti
• la sensibilità dentale al caldo e al freddo aumenta.
Conseguenze. La persona “bruxista” non dovrebbe sottovalutare il disturbo. Col tempo, infatti, può andare incontro a conseguenze spiacevoli: dolori dentali cronici, devitalizzazioni di singoli denti per usura, denti che si muovono o si consumano eccessivamente. Il bruxismo è in grado di creare seri danni all’apparato dentale. Il danno più visibile è la progressiva usura dei denti con possibili fratture, fino a compromettere i tessuti gengivali, ulteriori conseguenze comprendono:
• Ipersensibilità dentale al freddo e al caldo
• Vertigini e cefalee
• Dolori cronici all’articolazione della mandibola
• cervicalgia
 

Trattamento. Il trattamento del bruxismo e delle parafunzioni orali prevede:
a) il ‘counselling’ (corretta informazione) ovvero:
- la segnalazione al paziente dell’origine e della natura del problema
- la verifica della corretta interpretazione del problema da parte del paziente (assunzione di consapevolezza)
b)il trattamento specifico basato su uno o più dei seguenti presidi:

1) procedure attive (partecipazione del paziente)
- terapie’comportamentali’ basate su tecniche di autocontrollo per condizionamento (visivo, acustico etc)
- biofeedback
- training autogeno
- yoga
- modificazione dello stile di vita (incremento della attività fisica, controllo delle abitudini dietetiche e dell’abuso di alcool,tabacco e caffè)
- terapia psicologica di supporto
2) procedure passive
- farmaci
- placche occlusali
- riequilibrio occlusale (molaggio selettivo)
- riabilitazione protesica

Il trattamento più efficace resta l’utilizzo del bite. Un bite è un dispositivo da inserire in bocca per proteggere i denti dal bruxismo. Per eliminare il digrignamento occorre utilizzare un bite durante la notte: il bite ridistribuisce la forza esercitata e protegge i denti da eventuali danni. L'utilizzo di un bite è il miglior trattamento contro il bruxismo. Per ottenere risultati accettabili, è necessario utilizzare il bite ogni notte.
Per tornare a essere in perfetta forma, la terapia non può tuttavia essere unicamente medica.
Il bruxista, da parte sua, dovrebbe infatti cercare di diventare consapevole delle cause che lo hanno portato a digrignare i denti, cercare di elaborarle e trovare, di conseguenza, altre modalità per canalizzare le sue tensioni.
Le attività non odontoiatriche possibili sono tante e diverse fra loro: può bastare un hobby, uno sport anche violento, o qualche sessione di psicoterapia. Metodi da valutare, secondo il proprio carattere e inclinazioni, per vivere una situazione più armoniosa con se stessi.
 

PULIZIA E CURA DEL BITE
Sciacquate sempre il bite quando lo togliete dalla bocca e prima di rimetterlo.
Spazzolate accuratamente il bite con spazzolino da denti e dentifricio, dopo averlo tolto dalla bocca.
'Immergete il bite in un bicchiere d'acqua (non calda) o in una soluzione di acqua e collutorio per una sensazione di freschezza, quando lo riutilizzate.
Controllate se il vostro bite presenta segni di usura; nel caso mostrateli al vostro dentista durante i controlli: il bite potrebbe usurarsi ed aver bisogno di essere riparato o sostituito.
Portate il bite con voi quando vi recate dal vostro dentista.

 

 

 

Il 10% dei guadagni dello Studio Dentistico Dott. Gisabella viene devoluto in beneficenza nei confronti di : Telethon, Associazione "Azzurro e Rosa", e per l’acquisto di prodotti equo-solidali.  


 

 

Dove trovare Dentisti medici chirurghi ed odontoiatri attorno a Catania (CT)

Altre proposte di Dentisti medici chirurghi ed odontoiatri attorno a Catania (CT)