Pesticidi analisi multiresiduale e fitofarmaci

disponibile
CONDIVIDI:

Analisi Fitofarmaci

Metodi di analisi di residui di principi attivi fitosanitari e biocidi in:

  • Piante trattate;
  • Prodotti di origine vegetale ed animale per l’alimentazione umana;
  • Alimenti per uso zootecnico;
  • Substrati ambientali (suolo e acqua);

CHE COSA SONO I PESTICIDI E PERCHÉ SONO UTILIZZATI

 Malattie e parassiti possono seriamente ridurre la resa dei raccolti agricoli e ortofrutticoli. Al fine di proteggere le colture prima e dopo il raccolto si utilizzano prodotti fitosa-nitari contenenti pesticidi.

Questi prodotti, in alcuni casi, agiscono per "confondere" gli insetti o rendere le colture meno appetibili per i parassiti. Di norma, però, tali sostanze chimiche uccidono gli insetti nocivi, le malerbe e i funghi. Se non rigorosamente regolamentati, questi prodotti potrebbero avere gravi effetti indesi¬derati.

Nell'Unione europea è possibile utilizzare prodotti fitosanitari soltanto se previamente è stato scientificamente stabilito che:

(1)     non hanno effetti nocivi sui consumatori, gli agricoltori o la popolazione residente;

(2)     non   provocano   conseguenze   inaccettabili per l'ambiente;

(3)     hanno un adeguato livello di efficacia.

 I LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (LMR)

La quantità di residui riscontrata nel cibo deve essere sicura per i consumatori ed essere la più bassa possibile.

Un limite massimo di residuo (LMR) è il livello più alto di residuo per un pesticida legalmente tollerato negli alimenti o nei mangimi.

La Commissione europea stabilisce gli LMR per tutti gli alimenti e i mangimi.

Gli LMR relativi a tutte le colturee a tutti i pesticidi sono disponibili nella banca dati sugli LMR nel sito web della Commissione.

 

PERCHÉ SI SONO MODIFICATE LE NORME UE SUI RESIDUI DEI PESTICIDI

 

Le disposizioni applicabili prima del 1° settembre 2008 erano complesse. Per alcuni pesticidi era la Commissione a stabilire gli LMR, per altri invece il compito spettava agli Stati membri. In qualche caso la Commissione poteva fissare gli LMR che però gli Stati membri avevano facoltà di innalzare. E infine, per alcuni pesticidi gli LMR non erano stabiliti affatto.

Ai commercianti e agli importatori non era molto chiaro quali LMR dovessero rispettare, visto che avevano a che fare con 27 elenchi di LMR nazionali.

Nei consumatori era naturale una certa apprensione circa la sicurezza dei residui dei pesticidi, nei casi in cui un alimento con LMR superiore al limite tollerato in uno Stato membro poteva essere accettabile in altri Stati membri.

IL NUOVO REGOLAMENTO

 Il nuovo regolamento si applica a tutti i prodotti agricoli destinati al consumo umano o animale. Sono elencati gli LMR di 315 prodotti freschi; questi limiti sono validi anche per gli stessi prodotti dopo la trasformazione, adeguati per tenere conto dei fattori di diluizione o concentrazione durante le operazioni di trasformazione.

Il regolamento si applica ai pesticidi utilizzati attualmente, o in passato, sia nell'UE che in paesi terzi (circa 1 100). Per gli LMR di pesticidi non menzionati specificatamente si applica un valore generale di 0,01 mg/kg.

Il regolamento riguarda la sicurezza di tutti i gruppi di consumatori e include, tra gli altri, neonati, bambini e vegetariani. Della valutazione della sicurezza dei consumatori si occupa l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (AESA), basandosi sulla tossicità dei pesticidi, sui livelli massimi previsti sugli alimenti e sui diversi regimi alimentari dei consumatori

Il regolamento definisce chiaramente il ruolo svolto da Stati membri, AESA e Commissione nello stabilire gli LMR, e riporta:

(1)     gli LMR per l'UE (circa 45 000) già in vigore prima del settembre 2008;

(2)     gli LMR appena armonizzati, e stabiliti in precedenza dagli Stati membri (circa 100 000);

(3)     un elenco di sostanze a basso rischio, per le quali non sono necessari gli LMR.

B Le modalità e i tempi di utilizzo del pesticida sono definiti dall'autorità nazionale competente, e sono riportati sull'etichetta del prodotto. Le autorizzazioni sono concesse a livello nazionale perché le condizioni locali e ambientali, nonché la presenza di parassiti (e di conseguenza l'uso di pesticidi), possono variare da paese a paese. Per esempio, negli Stati membri meridionali, dove la temperatura è più alta, vi sono più insetti e quindi gli insetticidi servono maggiormente. In altre parti dell'UE, più umide, le

 MODALITÀ DI CONTROLLO E MISURE DI ATTUAZIONE DEGLI LMR

 Agricoltori, commercianti e importatori sono responsabili della sicurezza degli alimenti, e questo comprende anche il rispetto degli LMR. Alle autorità degli Stati membri spettano le misure di controllo e di attuazione degli LMR. Al fine di garantire l'uniformità e l'adeguatezza di tali procedure, la Commissione dispone di tre strumenti:

(1)     il programma comunitario coordinato di controllo pluriennale stabilisce per ciascuno Stato membro le principali combinazioni pesticida-coltura da monitorare e il numero minimo di campioni da prelevare; gli Stati membri devono elaborare annualmente una relazione con i risultati;

(2)     i laboratori di riferimento comunitari coordinano, formano il personale, mettono a punto metodi di analisi e predispongono test per valutare le competenze dei vari laboratori di controllo nazionali;

(3)     l'Ufficio alimentare e veterinario della Commissione conduce le ispezioni negli Stati membri per valutarne e verificarne le attività di controllo.

Qualora si riscontrino residui di pesticidi ad un livello preoccupante per i consumatori, il sistema di allerta rapido per il cibo e il mangime (RASFF) provvede alla circolazione delle informazioni così da far adottare misure a tutela dei consumatori.

 

 

L'AZIONE DELL'UE PER RIDURRE L'USO DEI PESTICIDI

 L'Unione europea, oltre a impegnarsi per tutelare consumatori e animali dai residui dei pesticidi negli alimenti e nei mangimi, cerca di ridurre l'impatto globale dei pesticidi sulla salute e sull'ambiente e, in definitiva, il loro stesso uso. Nel 2006, la Commissione europea ha proposto una strategia per migliorare le modalità di utilizzo dei pesticidi nell'UE.

La strategia si prefigge di incoraggiare le coltivazioni naturali o a basso uso di pesticidi, in particolare cercando di aumentare la sensibilizzazione degli utenti, promuovendo l'uso di buone pratiche e mettendo a disposizione fondi per la ricerca applicata e la formazione.

Nel 2006, la Commissione ha avanzato due proposte giuridiche che, ora, sono sottoposte a dibattito in seno al Parlamento europeo e al Consiglio:

(1)     la prima proposta riguarda un regolamento sulla commer¬cializzazione dei prodotti fitosanitari, al fine di specificare criteri rigorosi per l'approvazione e garantire così un elevato livello di protezione della salute umana e animale e dell'ambiente; nel suo ambito, verrebbe altresì istituito un meccanismo per sostituire i pesticidi più tossici con alternative più sicure (anche non chimiche);

(2)     la seconda proposta è relativa a una direttiva sull'uso sostenibile dei pesticidi, con l'intento di ridurre il rischio correlato all'uso dei pesticidi, migliorare la qualità e l'efficacia delle attrezzature per l'applicazione dei pesticidi, garantire una migliore formazione degli utenti e sviluppare sistemi di lotta integrata contro i parassiti.

 

 

Elenco dei principi attivi ricercabili dal nostro laboratorio

PRINCIPIO ATTIVO

ACEFATE

ALACLOR

ALDRIN

ALODAN

ALFAMETRINA

ALLETRINA

AMETRINA

AMITRAZ

ANILAZINA

ATRAZINA

AZINFOS-ETILE

AZINFOS-METILE

AZINFOS-METILENE OXON

BARBAN

BENALAXIL

BENDIOCARB

BENFLURALIN

BENFURACARB

BENZOILPROP ETILE

BIFENOX

BITERTANOLO

BROMOFOS-ETILE

BROMOFOS-METILE

BROMOPROPILATO

BUPIRIMATE

BUTACLOR

BUTILATE

CAPTAFOL

CAPTANO

CARBARIL

CARBOFENOTION

CARBOFURAN

CARBOSSINA

CHINOMETIONATO

CIANAZINA

CIANOFENFOS

CIANOFOS

CICLOATO

CICLURON

CIFLUTRIN

CIMOXANIL

CIPERMETRINA

CIPROCONAZOLO

CLLMBAZOLO

CLORONEB

CLOROPROPILATO

CLOROTALONIL

CLOROXURON

CLORPIRIFOS

CLORPIRIFOS-METILE

CLORPROFAM

CLORTAL DIMETILE

CLOZOLINATE

CUMAFOS

DDD op’

DDD pp’

DDE op'

DDE pp'

DDT op'

DDT pp'

ELTAMETRINA

DEMETON-S-METIL-SULFONE

DEMETON-S-METILE

DIALIFOS

DIAZINONE

DICLOBENIL

DICLOBUTRAZOLO

DICLOFLUANIDE

DICLOFOP-METILE

DICLORAN

DICLORVOS

DICOFOL

DIELDRIN

DIFENILAMMINA

DIMETACLOR

DIMEFOX

DIMETILAN

DIMETOATO

DIMETOMORF

DINITRAMINA

DINOBUTON

DINOCAP

DIOXATION

DISULFOTON

DITALIMFOS

ENDOSULFAN alfa

ENDOSULFANbeta

ENDOSULFAN solfato

ENDRIN

EPTACLORO

EPTACLORO EPOSSIDO TR.

EPTC

EPTENOFOS

ESACLOROBENZENE

ESACONAZOLO

ESFENVALERATE

ETACONAZOLO

ETALFLURALIN

ETIOFENCARB

ETION

ETOPROFOS

ETIRIMOL

ETRIDIAZOLO

ETOSSICHINA

FAMFUR

FENAMIFOS

FENARIMOL

FENCLORFOS

FENFURAM

FENITROTION

FENOSSICARB

FENPROPATRIN

FENSON

FENTION

FENTOATO

FENVALERATE

FLAMPROP ISOPROPILE

FLUAZIFOP BUTILE

FLUCITRINATE

FLUOTRIMAZOLO

FLUTRIAFOL

FLUVALINATE

FLUORODIFEN

FLUSILAZOLO

FOLPET

FONOFOS

FORATE

FORMOTION

FOSALONE

FOSFAMIDONE

FOSMET

FOXIM

FUBERTDAZOLO

FURALAXIL

HCH beta

HCH delta

IMAZALIL

IPRODIONE

ISOFENFOS

ISOPROPALIN

LINDANO

LAMBDA CIALOTRINA

LINURON

MALAOXON

MALATION

METACRIFOS

METALAXIL

METAMIDOFOS

METAMITRON

METAZACLOR

METIDATION

METIOCARB

METOBROMURON

METOLACLOR

METOMIL

METOPROTRINA

METOSSICLORO

METRIBUZIN

MEVINFOS

MICLOBUTANIL

MOLINATE

MONOCROTOFOS

MONOLINURON

NALED

NICOTINA

NITROTAL ISOPROPILE

NUARIMOL

OMETOATO

OSSIDEMETON-METILE

OXADIAZON

OXADIXIL

OXIFLUORFEN

PARAOXON

PARAOXON-METILE

PARATION

PARATION-METILE

PENCONAZOLO

PENDIMETALIN

PERMETRINA

PERTANE

PIRAZOFOS

PIRIDAFENTION

PIRIMETANIL

PIRIMICARB

PIRIMIFOS-ETILE

PIRIMIFOS-METILE

PROCIMIDONE

PROCLORAZ

PROF AM

PROFENOFOS

PROMETON

PROMETRINA

PROPACLOR

PROPANIL

PROPAZINA

PROPICONAZOLO

PROPIZAMIDE

PROPOXUR

RABENZAZOLO

PROTIOFOS

PROTOATO

QUINALFOS

QUIZALOFOP ETILE

SECBUMETON

SIMAZINA

SULFOTEP

TEFLUTRIN

TEMEFOS

TEPP

TERBUFOS

TERBUMETON

TERBUTILAZINA

TERBUTRINA

TETRACLORVINFOS

TETRADIFON

TETRAMETRINA

TIABENDAZOLO

TIOBENCARB

TIOCARBAZIL

TIONAZIN

TRIADIMEFON

TRIADIMENOL

TRIAZOFOS

TRICLORFON

TRICLORONATO

TRIETAZINA

TRIFLURALIN

VAMIDOTION

VINCLOZOLIN

 

Dove trovare Tecnologia alimentare - consulenza e studi attorno a Catania (CT)