Fabrizio Ferrandelli sul canalone di Boccadifalco: "Urge intervento. La tragedia di Genova, monito per i nostri amministratori"

07 novembre 2011

Il canalone di Boccadifalco continua a destare preoccupazioni agli abitanti della zona, non solo per le cattive condizioni igenico-sanitarie, ma soprattutto per il rischio di allagamenti a seguito di piogge. Dopo i recenti fatti accaduti a Genova, Fabrizio Ferrandelli, consigliere comunale e candidato a sindaco della città di Palermo, chiede per l'ennesima volta l'intervento dell'Amministrazione.
"Nonostante abbia già presentato diverse interrogazioni, mozioni, atti ispettivi, e abbia partecipato a sit-in di protesta, rispondendo così alle numerose richieste degli abitanti della zona – spiega Ferrandelli - il Sindaco e la sua Giunta non hanno mai effettuato alcun intervento. Il canalone di Boccadifalco versa in cattive condizioni già da tempo, perché oltre ad essere un canale di scolo delle acque piovane, è divenuto nel tempo una vera e propria fogna a cielo aperto, con liquami provenienti dalle costruzioni abusive circostanti. Il rischio più grande però è rappresentato proprio dalle piogge che potrebbero causare danni all'intera zona circostante". "La tragedia di Genova, avvenuta solo pochi giorni fa, dovrebbe servire da monito – precisa Ferrandelli – e svegliare un'amministrazione ormai assente e sorda persino alle richieste più urgenti dei propri cittadini. Per sistemare e mettere in sicurezza il canalone servirebbe, come ho più volte detto, un piccolo investimento di denaro. Urge a mio avviso un intervento immediato prima che si verifichi il peggio, prima che la stagione delle piogge possa non solo causare ulteriori danni, ma soprattutto mettere a rischio la salute di molti cittadini".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 novembre 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia