Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Le belle spiagge siciliane e il rischio erosione

A causa dei cambiamenti climatici e delle opere dell'uomo, il 28% delle coste siciliane è in pericolo

14 maggio 2016

Alle spiagge siciliane vengono conferiti premi, conquistano bandiere di riconoscimento, scalano classifiche di siti specializzati in viaggi e turismo. Tutto vero. A conferma di quanto detto, possiamo citare la recentissima notizia della sei Bandiere Blu conferite a diversi litoranei siciliani dalla FEE Italia (LEGGI).
Purtroppo, però, è altrettanto vero che per sei spiagge premiate, un numero maggiore di esse sono a rischio erosione.

"A causa dei cambiamenti climatici e del relativo innalzamento del livello del mare, insieme con le opere dell'uomo, l'85% delle coste sabbiose del mondo sono soggette a rischio erosione. A rischio il 42% di quelle italiane e il 28% di quelle siciliane, in particolar le coste agrigentine e ragusane".
I dati sono stati resi noti dalla docente dell'Università di Catania Maria De Salvo nel corso di un workshop del Progetto europeo "ECOSHAZ - Misure economiche di prevenzione per affrontare i pericoli costieri", finanziato dalla Commissione Europea - Direzione generale per gli aiuti umanitari e protezione civile, che si è tenuto nei giorni scorsi nell'aula magna "Jannaccone" del dipartimento di Agricoltura, alimentazione e ambiente.


Foto www.corrierediragusa.it

La docente universitaria, impegnata in uno studio su Lido di Noto, ha osservato che "per ridurre il rischio costiero si può intervenire con la realizzazione di barriere emerse o sommerse o con il 'ripascimento' del litorale con impatti, più o meno dannosi, sugli ecosistemi e con una valutazione economica da effettuare".


Foto legambientesicilia.it

Sulle emergenze siciliane spicca il "caso" della costa di San Leone, ad Agrigento. "Purtroppo - ha spiegato il docente Giuseppe Ciraolo dell'Università di Palermo - la spiaggia, ma anche la strada, rischiano di scomparire del tutto. I danni prodotti dall'uomo, con il taglio delle dune e la realizzazione di opere, potrebbero cancellare del tutto questa parte di costa siciliana così come sono a rischio anche quella di Gela e di Mazara del Vallo".
"Oltre all'erosione - ha concluso - le nostre spiagge sono attaccate dagli sversamenti di idrocarburi volontari e non da incidenti con danni irrimediabili per la flora e la fauna ed anche per le attività economiche legati al traffico navale nel Canale di Malta pari al 20% di quello mondiale". [Informazioni tratte da Lasiciliaweb.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 maggio 2016
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia