Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Nelle grandi Città del Mondo in migliaia muoiono ogni anno a causa dell'inquinamento

I gravi danni all'ambiente causati dall'eccessivo inquinamento

18 novembre 2005

Lo scorso settembre due distinte ricerche hanno sostanzialmente suonato lo stesso campanello d'allarme: cambiamenti climatici inarrestabili, milioni di morti per condizioni di vita malsane e per l'inquinamento.
L'allarme ambiente, contrassegnato da precisi connotati, è arrivato dall'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) e dall'Associazione medici australiani, con due ricerche che hanno in comune il timore di non arrivare a tempo per fermare la scivolata del pianeta verso disastri ecologici non sanabili.

Un milione di persone muoiono ogni anno tra Pacifico e SudEst asiatico per fattori legati all'inquinamento o alla vita in ambienti malsani, ha detto l'Oms. Secondo l'organizzazione mondiale non viene fatto abbastanza dalle singole nazioni per ridurre i rischi ambientali, visto che ben 508 mila morti l'anno sono da addebitare a cause come intossicazione da fumo di combustibili, acqua non potabile e igiene inadeguata. Le morti derivate da fattori legati all'inquinamento sono invece 405 mila l'anno. Una situazione dove solo una forma di cooperazione tra i vari settori, dall'ambiente all'agricoltura, dall'industria all'organizzazione dei trasporti di tutti i Paesi, può dare concreti risultati.
Contemporaneamente un rapporto australiano ha puntato il dito sui futuri pericoli dell'inquinamento atmosferico nella regione dell'Asia e del Pacifico.
Commissionato dall'Associazione Medica Australiana e dall'Australian Conservation Association, il rapporto presentato a settembre, prevede che migliaia di australiani potrebbero morire entro la fine del secolo a causa dei cambiamenti climatici. Non solo. L'effetto serra, si legge nel documento, ha raggiunto uno stadio così avanzato che è ora impossibile arrestarne le conseguenze, innalzamento della temperatura prima tra tutte. ''Il clima continuerà a cambiare nel corso di questo secolo, anche se il governo decidesse di prendere provvedimenti per diminuire i gas inquinanti. Ma una immediata e drastica azione da parte non solo del governo ma anche di aziende e individui ridurrebbe l'intensità dell'impatto sulla salute dell'uomo'', è scritto nel rapporto.

Gli scienziati australiani, nell'esplorare le cause di tanto danno all'ambiente, hanno puntato il dito sulle automobili: dimezzare l'inquinamento proveniente da gas di scarico non solo aiuterebbe a ridurre l'innalzamento della temperatura, ma eliminerebbe le centinaia di morti premature che si registrano ogni anno nelle grandi città, in particolare a Sydney e a Melbourne. Allargando il panorama dall'Australia alla zona del Pacifico e SudEst asiatico - la stessa presa in esame dall'Oms -, i ricercatori australiani indicano Papua Nuova Guinea, Cambogia e le isole del Pacifico come i paesi più vulnerabili ai cambi climatici.

Da queste ricerche è nato il ''Patto climatico Asia-Pacifico'', un accordo fra Usa, Canada, Giappone, Australia, Cina e India basato su accordi volontari per la riduzione dei gas serra e lo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, e che sta sempre di più scalzando quel Protocollo di Kyoto, ritenuto da diversi Paesi troppo oneroso per le economie nazionali.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 novembre 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia