E' il 6 novembre: si stappano i vini novelli

Brindisi alle nuove produzioni, tra Nero d'Avola, Frappato e Syrah

06 novembre 2001
Anche quest'anno, come ogni 6 novembre, si rinnova l'appuntamento con il vino novello.

Feste e grandi bevute sono state organizzate un po' dappertutto, enoteche in testa, per salutare il deblocage - come in gergo si chiama lo scadere del termine di legge per l'entrata in commercio - dei vini novelli, la notte tra lunedì e martedì.

E dire che fino a qualche anno fa, bastava solo la parola "novello" a far storcere i nasi raffinati del gotha enologico.
Oggi non è più così, sul novello punta anche la civiltà del bere: notizie sui novelli si ritrovano in almanacchi blasonati, le riportano firme della stampa specializzata di prim'ordine, e sulla qualità della produzione puntano le principali case vinicole. Forse non solo perché il novello ha il potere di "avvicinare i giovani al vino", come si ripete ormai un po' stancamente. Ma per un motivo molto più semplice: perché è buono.

E solo oggi che la moda del vino-frutto ha soppiantato la ricerca dei sapori di grande complessità, conquistando i palati più nobili, si ha il coraggio per ammetterlo.
Oltre agli ottimi produttori siciliani molto bene ha lavorato in questa direzione L'Istituto Regionale per la Vite e il Vino che ha promosso ricerche approfondite e sperimentazioni interessanti sfruttando il trend tutto in salita del novello.

E proprio in questi giorni l'Istituto illustrerà tecniche e risultati della sperimentazione condotta sui novelli di cinque grandi vitigni siciliani: il Nero d'Avola, principe dei rossi, il Frappato, il Pignatello, il Nerello Mascalese e il Syrah.
Un altro segno che conferma come l'interesse intorno a questo vino sia tutt'altro che una semplice moda.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

06 novembre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia