Natale e le "Stelle" dentro un vaso

Come prendersi cura della Euphorbia pulcherrima (nota come Poinsettia o Stella di Natale) in tre semplici passi

02 dicembre 2019
Natale e le ''Stelle'' dentro un vaso
  • Trova il posto più vicino dove comprare la tua Stella di Natale - CLICCA QUI

L'Euphorbia pulcherrima, meglio nota come Poinsettia e ancora meglio come Stella di Natale, è una pianta classica delle abitazioni invernali, in particolare durante le feste. Ed è anche un dono molto popolare in Italia da portare quando si è ospiti.
Per prendersene cura e farla vivere nei nostri vasi il più a lungo possibile, basta eseguire attentamente le seguenti 3 mosse:

1. Primo Check: all'acquisto assicurarsi del buono stato della pianta

1. Primo Check: all'acquisto assicurarsi del buono stato della pianta

Anche le migliori cure risultano inutili se la pianta non è stata trattata bene già prima dell'arrivo nella nuova casa. Fare sempre attenzione, al momento dell'acquisto, che la Stella di Natale sia stata conservata all'interno del negozio e in un luogo protetto dalle correnti d'aria e dal freddo. Le temperature inferiori ai 12°C causano danni che, sebbene non visibili all'inizio, possono provocare la caduta delle foglie della Stella di Natale una volta trasportata a casa.

Si consiglia, inoltre, di controllare lo stato del suolo: idealmente non dovrebbe essere né bagnato né del tutto asciutto. Indicatori di buona salute di una pianta sono una vegetazione fitta con foglie giallo-verde, oltre alla presenza di piccoli boccioli gialli tra le brattee colorate (ovvero i fiori veri e propri).

Assicurarsi, infine, che venga accuratamente confezionata dal negoziante per permetterci di percorrere il tragitto verso casa preservandola (ad esempio avvolgendola nella carta).

2. A casa: scegliere la sistemazione ideale

2. A casa: scegliere la sistemazione ideale

Per poter avere una bella fioritura la Stella di Natale necessita di un posto caldo e luminoso e ben protetto dagli spifferi (la temperatura ideale della stanza deve essere tra i 15° e i 22°), come ad esempio un davanzale. Attenzione ai colpi d'aria: prima di aprire la finestra per arieggiare la stanza, ricordarsi di spostare la pianta in un angolo protetto per evitare danni permanenti.

3. L'acqua: imparare a dosarla

3. L'acqua: imparare a dosarla

La Stella di Natale ha delle esigenze modeste per quanto riguarda "il bere". È infatti importante che le sue radici non siano né troppo asciutte né troppo bagnate. L'ideale è versare, con moderazione, un piccolo sorso d'acqua a temperatura ambiente ogni due o tre giorni.

Non dare mai alla pianta più acqua di quanta il terreno possa assorbire e rimuovere l'acqua in eccesso nel vaso o nel sottovaso non più di 15 minuti dopo l'irrigazione. Un sovraddosaggio d'acqua potrebbe portare a problemi di ristagno, facendo marcire l'apparato radicale. Se l'aria nella stanza è secca o se la pianta è in piedi vicino a un calorifero, regolarsi di conseguenza: può essere necessario annaffiare ogni giorno.

La salute della pianta si può facilmente intuire dalle foglie; se si ingialliscono o cadono, si deve prestare maggiore attenzione alla fornitura d'acqua. Anche la dimensione del vaso gioca un ruolo importante: i vasi piccoli hanno bisogno di essere annaffiati più spesso di quelli grandi e le mini Stelle di Natale dovrebbero essere controllate ogni giorno.

Un consiglio: sollevare il vaso può dare un'idea di quanta umidità c'è in esso, se lo si sente leggero è ora di annaffiare di nuovo.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

02 dicembre 2019

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia