Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Ad Agrigento l’aumento del ticket per i beni culturali non va giù. A farne le "spese" saranno i turisti

25 maggio 2010

Per Agrigento è quasi una rivoluzione. Sono tante le novità introdotte per l’accesso a siti e musei e a spiegarlo è il sindaco Marco Zambuto: "Dal punto di vista normativo c’è, intanto, un riconoscimento importante: con il decreto dell’assessorato regionale ai Beni culturali viene riconosciuto per la prima volta il diritto dei residenti a fruire dei siti archeologici al prezzo simbolico di un euro". Il sindaco è soddisfatto della decisione dell’assessore Gaetano Armao, di concedere l’ingresso a un euro ai residenti di tutta la provincia, in cui ricade un sito culturale. Appena qualche giorno addietro aveva chiesto l’estensione anche agli agrigentini del privilegio limitato ai trapanesi, per i siti di Segesta e Selinunte. Dall’insediamento, il sindaco e la Giunta avevano destinato una parte della decurtazione del 30% delle proprie indennità, per garantire l’ingresso gratuito ai residenti. Adesso un euro è un prezzo accessibile per tutti: l’amministrazione comunale non si farà carico di rimborsare i biglietti di tutti i residenti della provincia, che vogliano visitare templi o museo. Lo conferma il sindaco: tali fondi potranno essere destinati ad altro.

Chi invece dovrà sobbarcarsi davvero una spesa per godere dei beni sarà il turista: prezzi aumentati del 25% o perfino raddoppiati, come ad Eraclea Minoa o alla Casa Natale di Pirandello. La vera mannaia è la scomparsa del biglietto unico cumulativo. Nessuno sconto per chi visita Valle e Museo archeologico: la spesa sarà di 18 euro. 36 euro a coppia. Prima, con 10 euro ci si poteva inebriare di templi, parco e reperti. Questi gli aumenti, in vigore dal primo giugno: da 2 si è passati a 4 euro per la Casa di Pirandello e il sito di Eraclea, mentre da 6 a 8 per il museo archeologico e da 8 a 10 per la visita della Valle. Costa 10 euro anche la zona archeologica di Siracusa o la Villa del Casale di Piazza Armerina. Gli altri siti rimangono invariati o a prezzi inferiori ai 10 euro. Selinunte e Segesta sono passati da 6 a 8 euro.

Certo che è una curiosa strategia, quella di aumentare i prezzi in momento di crisi, nell’industria del turismo, quando per qualsiasi altro comparto produttivo si punta su promozioni e incentivi. Eppure, ad evidenziare la necessità di studiare una strategia che stimoli la visita nella Valle dei Templi sono proprio i dati pubblicati sul sito del Parco archeologico: dal 2006 al 2009, in 4 anni, si sono perduti 250 mila visitatori paganti, che a 8 euro ciascuno significano 2 milioni di euro. Nel contempo sono rimasti pressoché stabili i non paganti. Nel 2008, su 382 mila paganti, 234 mila erano i non paganti; nel 2009, su 318 mila paganti, non paganti 239 mila. Se guardiano al 2006, 436 mila erano i paganti, 246 mila i non paganti. Per il presidente del Consorzio turistico Valle dei Templi, Gaetano Pendolino, non è possibile che la diminuzione dei paganti sia legata ad un incremento di flussi turistici di anziani o di studenti (i soggetti esenti dal pagamento del ticket). "Non c’è una scelta oculata sui target di riferimento. Basterebbe – sostiene Pendolino – limitare gli ingressi gratuiti in certi periodi dell’anno, per favorire la destagionalizzazione. In 4 anni, ci sono state 220 mila presenze in meno nelle strutture ricettive, e poiché la spesa pro capite nella filiera turistica si traduce in 75 euro al giorno, vuol dire che si sono perduti 16 milioni di euro. Calcolando l’indotto, che è pari a 7 volte, parliamo di 120 milioni di euro in meno, con conseguente perdita di posti di lavoro. Non è in questo modo che si può incentivare il turismo. Ipotizziamo un tour in Sicilia di una famiglia di 4 persone: tra la Valle e altri siti dell’Isola, dovrebbe spendere circa 50 euro al giorno per le visite culturali". Per una vacanza di 6 giorni, non meno di 300 euro, considendo anche gli ingressi ridotti per i minori. [Anna Maria Scicolone, €conomiaSicilia.com]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

25 maggio 2010
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia