Catania. Costruzione abusiva in via Scilla, 6. Denunciata la Commissione edilizia del Comune

11 ottobre 2005

Ennesimo abuso in una città dove sembre essere pieno Far West.
La Magistratura non blocca i lavori - Indagati i proprietari

Sono già trascorsi alcuni mesi, e la costruzione abusiva di via Scilla al civico 6 è quasi ultimata, a due passi da Piazza Nettuno si sta consumando l'ennesimo abuso in una città dove sembra di essere in pieno Far West. Tutto ebbe inizio nello scorso aprile quando presso il comando della Polizia Municipale di Catania fu depositato un esposto che segnalava che in via Scilla al civico 6 erano iniziati i lavori di ''ristrutturazione'' di un antico caseggiato realizzato tramite un progetto approvato su due elevazioni nientemeno risalente al 1928. Il suddetto progetto non fu mai completato, eccetto l'edificazione di tre vani catastali, non catastati invece la facciata al piano terra con tre entrate di cui due murate con retro i muri a forma di vani incompleti e mai coperti (abusivi?).
Quindi i proprietari (ora indagati dalla Procura) dovevano solo ristrutturare tutto quello che hanno trovato nell'incompiuta del progetto approvato nel 1928, e non ampliare con altri vani, facendosi approvare l'attuale progetto, come se realmente fossero esistiti anche i vani del retro facciata.
Pertanto dopo la denunzia al comando catanese della Polizia Municipale a maggio, viene informata la Procura della Repubblica di Catania, la quale Procura, evidentemente sentendo ''puzza di bruciato'' decide di nominare un perito che nel termine di 60 giorni previsto dalla legge deve consegnare una relazione.
Si va in ferie e tutto viene ''rimandato'' a settembre, ma il caso monta giorno dopo giorno con abbondanza di carte bollate.

La telenovela di questo ampliamento di costruzione abusiva di via Scilla si arricchisce nel luglio scorso di una denunzia presentata alla Procura della Repubblica contro la Commissione edilizia del Comune rea di aver concesso con troppa leggerezza la concessione edilizia, basandosi sui volumi del progetto del 1928, mai realizzato, non più valido alle attuali norme urbanistiche del PRG, anziché basandosi sui volumi dell'immobile catastato.
A questo punto sembrerebbe che quello che era un mezzo dubbio è una certezza, detto ampliamento di costruzione di via Scilla sarebbe abusivo e sinceramente stupisce come mai il G.I.P. di Catania in possesso ormai di una montagna di documenti inequivocabili tardi ad emettere provvedimenti disciplinari contro chi ha dato il mandato per questi lavori di edificazione e contro chi con eccessiva leggerezza ha forse chiuso un occhio, c'è davvero da auspicarsi che presto arrivi un provvedimento del Magistrato dott. Cascino, senza perdere altro tempo, sequestrando l'intera struttura abusiva.

Mario Monti

da ''Sicilia Sera''
Via Vittorio Emanuele , 501
Tel. 095/492674 - Fax 095/7121934 - Catania
enail:
montimar1@siciliasera.191.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 ottobre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia