Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

È arrivata a Palermo la famiglia del cuoco afghano Shapoor Safari

La famiglia dello chef salvata dalla generosità della comunità del ristorante Moltivolti

15 dicembre 2021
È arrivata a Palermo la famiglia del cuoco afghano Shapoor Safari
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

È atterrata all'aeroporto "Falcone Borsellino" la famiglia afghana del cuoco Shapoor Safari, anima di Moltivolti, ristorante e impresa sociale nel cuore di Ballarò.

Nelle scorse settimane era stato lanciato sulla piattaforma GoFundMe un crowdfunding che aveva raggiunto la cifra necessaria per mettere in salvo i profughi, raccogliendo oltre diecimila euro in pochi giorni, grazie alla generosità di molte persone vicine alla comunità del ristorante (LEGGI).

L'arrivo della famiglia dello chef Shapoor all'aeroporto di Palermo

Dieci persone, tra cui sei donne e due bambini messi in salvo dall'inferno afghano. Dopo aver lasciato qualche settimana fa, non senza pericoli e problemi, l'Afghanistan attraverso il confine con il Pakistan ed essere rimasti per lungo tempo nella capitale pakistana Islamabad in attesa dei visti per raggiungere il nostro paese, la famiglia Safari ha finalmente raggiunto Palermo e ha potuto riabbracciare dopo 25 anni il loro amato Shapoor, anima e cuoco di Moltivolti.

Ad accogliere la famiglia in aeroporto il Sindaco Leoluca Orlando, che si è molto speso nelle settimane passate con l'Ambasciatore italiano in Pakistan per aiutare la famiglia a varcare il confine con l'Afghanistan e ricevere la documentazione necessaria per il viaggio.

"Una gioia immensa - commenta il cuoco afghano, che non rivede la sua famiglia da venticinque anni - è stata dura ma ce l'abbiamo fatta grazie all'aiuto di tante persone che mi sono state accanto e sono riuscite a far arrivare qui le mie sorelle, i miei nipoti e i miei nipotini."

"Siamo felici di poter raccontare le storie di queste donne, di questi bambini, di questi giovani uomini che per una volta arrivano nel nostro paese e non vengono trattati come numeri, ma come persone - commenta Claudio Arestivo, socio fondatore di Moltivolti - Sembrava impossibile, ma ce l'abbiamo fatta."

La famiglia sarà sottoposta nei prossimi giorni ad una quarantena sanitaria obbligatoria, trascorsi questi dieci giorni la loro nuova vita a Palermo inizierà con una grande festa nel cuore di Ballarò, organizzata per loro dal loro amato Shapoor.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

15 dicembre 2021
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE