Furto all'archivio storico comunale di Palermo: rubato un prezioso manoscritto

12 dicembre 2008

È stato rubato ieri mattina dall'Archivio storico comunale (via Maqueda 157) il prezioso volume manoscritto del Giuramento dell'Immacolata Concezione. Un'opera solo temporaneamente esposta, ma che di solito viene conservata in cassaforte in quanto si tratta dell'importante testimonianza di un antico rito urbano, il Rito delle Cento Onze, che, fra l'altro, l'anno scorso è stato proposto come eredità culturale immateriale ed inserito nel Rei di Sicilia. Il volume è rilegato in pelle color cuoio, con fregi in oro sui piatti e sul dorso. All'interno vi sono dipinti gli stemmi nobiliari delle famiglie dei pretori e sindaci in carica a Palermo tra il 1795 e il 1912, in bianco e nero fino al 1857 e successivamente a colori. Il manoscritto si apre con uno stemma in acquaforte, quello della famiglia allora in carica, Francesco Maria Statella, principe di Cassaro, che appose per primo la propria firma nel volume il 7 dicembre 1795. Segue la dizione Libro di Giuramenti che presta l'Eccellentissimo Senato all'Immacolata Concezione rinnovato l'anno 1795.  Il rito, che ancora oggi continua a rinnovarsi, risale al 1624, quando Palermo era devastata dall'epidemia di peste e si decise allora di consacrare la città alla Vergine Maria. Da allora, ogni anno, la sera del 7 dicembre, il capo del Governo cittadino (prima il pretore, dopo l'Unità d'Italia il sindaco) si reca nella chiesa di San Francesco d'Assisi per giurare di difendere il privilegio dell'immacolato concepimento e offrire un tributo simbolico di cento onze (o scudi). Proprio domenica scorsa, il sindaco Diego Cammarata aveva perpetuato la tradizione, recandosi nella basilica e offrendo il tributo.

Comune Palermo

 

 

 

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

12 dicembre 2008

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia