Il sale di Trapani vuole la Denominazione d'origine protetta

04 ottobre 2006

I produttori di sale trapanesi, francesi e portoghesi presenteranno all'Unione Europea una bozza per ottenere il riconoscimento preliminare di prodotto agricolo e chiederne successivamente la Denominazione d'origine protetta (Dop). Il Consorzio per la tutela del sale marino di Trapani ospita, oggi e domani, produttori da Francia e Portogallo.
''Ogni salina produce un sale diverso - ha spiegato il professor Giacomo d'Alì Staiti, tra i promotori dell'iniziativa -. Ogni tipo di sale ha proprietà organolettiche originali, ed è legato alla tradizione dei luoghi di produzione''. L'ambiente è il tratto comune a quasi tutte le saline europee che, in Portogallo come in Francia, come Trapani, Paceco e Marsala, sono ubicate in aree protette, parchi, riserve e comunque siti di interesse comunitario, zone umide con un proprio ecosistema da tutelare e preservare.
''Tutela che ben si sposa con l'attività di produzione - ha sottolineato il presidente della Provincia di Trapani, Antonio D'Alì -. In tutta l'Europa le saline, come ambiente naturale, sono giunte intatte fino ai nostri giorni grazie alla caparbietà dei produttori che hanno puntato su una attività tradizionale''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 ottobre 2006

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia