In Germania c'è la più grande comunità italica, ma perchè nessuna scuola italiana?

28 novembre 2002
L'attuale rete scolastica all'estero è composta da 181 scuole italiane e 116 sezioni italiane presso scuole straniere (bilingui o a carattere internazionale) e presso scuole europee, per un totale di 297 istituzioni. Complessivamente operano nelle scuole italiane e straniere 493 unità di personale di ruolo (di cui 21 dirigenti scolastici, 457 docenti e 15 non docenti) a carico del bilancio del Ministero degli Affari Esteri. Altri 113 insegnanti italiani di ruolo operano nelle Scuole Europee.

Scuole italiane all’estero
 
L'utenza è di circa 30.000 alunni che frequentano scuole italiane o sezioni italiane presso scuole straniere ed europee, dalle materne alle secondarie superiori.
La presenza di studenti stranieri nelle scuole italiane è molto elevata: se consideriamo l’utenza complessiva delle istituzioni scolastiche (scuole italiane e sezioni italiane presso scuole straniere) la presenza di studenti stranieri (di origine italiana e non) rispetto all’utenza totale è pari a circa l'80% del totale. Le finalità prevalenti delle istituzioni scolastiche italiane all’estero sono dunque: la promozione e diffusione della lingua e cultura italiana negli ambienti stranieri; il mantenimento dell’identità culturale dei figli dei connazionali e dei cittadini di origine italiana, anche di seconda e terza generazione.

La formula bi-culturale, sia nelle scuole italiane sia in quelle straniere, rappresenta senza dubbio il futuro degli interventi in questo settore. Iniziative di questo tipo, a partire dagli anni '90, sono sorte in numerose scuole italiane, ma soprattutto nelle scuole straniere di vari paesi europei; tali iniziative sono particolarmente frequenti nell’Europa centro-orientale e nei Balcani ove, a seguito di accordi culturali conclusi o in via di definizione, si è dato vita a istituzioni bilingui riconosciute sia dalle autorità locali sia da quelle italiane.

La rete scolastica all'estero è pertanto uno strumento di politica culturale di grande efficacia per le caratteristiche di "permanenza stabile" dell’istituzione, che si configura spesso come un punto di riferimento nel Paese in cui opera, e per gli effetti di ''formazione permanente'' sull'utenza, che produce ritorni di lunga durata in tutti i settori (culturale, politico ed economico) e non solo in quello educativo.

Considerate le 181 scuole italiane e 116 sezioni all'estero, al nostro ispettore scolastico dell'Ambasciata di Berlino avremmo da porgli questa domanda: come mai in Germania, dove vive la comunità italiana più consistente, non ce n'è neanche una?

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

28 novembre 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia