In Sicilia sbagliate migliaia di domande per il buono scuola

Pagamenti dal 21 novembre. Una parte delle richieste errate potrà essere ''sanata''

01 novembre 2003
Viaggia a due velocità il buono scuola regionale. Le famiglie che abitano nelle province di Ragusa, Siracusa, Enna, Trapani, Agrigento e Caltanissetta, riceveranno fra poco più di un mese i contributi della Regione per l’iscrizione dei figli nelle scuole private. In sostanza, è già finito l’esame di circa la metà delle 90 mila domande pervenute. L’altra metà corrisponde a quelle inviate da Catania, Palermo e Messina: e per queste si dovrà attendere di più, probabilmente fino a fine gennaio.

Ma va detto che in entrambi i casi le domande che otterranno il finanziamento non sono più del venti per cento, tutte le altre sono incappate in errori che ne hanno bloccato l’approvazione.

I primi contributi. "Entro il prossimo 21 novembre - spiega Costanza Di Carlo, direttrice dell’Ufficio per il buono scuola - emetteremo i primi mandati di pagamento per le famiglie delle sei province minori, che poi riceveranno i soldi entro un paio di settimane. Dobbiamo solo stabilire se inviare per posta l’assegno o la comunicazione dell’attribuzione dei fondi con cui poi ci si potrà recare in banca e ottenere i soldi".
Il nuovo rinvio. Il pagamento era previsto per fine settembre ma le 90 mila domande pervenute hanno reso difficile la redazione delle graduatorie. Problemi che non è stato possibile risolvere del tutto per le province di Palermo, Messina e Catania. "Per queste tre - prosegue la Di Carlo - c’è ancora del lavoro da fare, non so se riusciremo ad assegnare i soldi entro il 21 novembre. Altrimenti si dovrà necessariamente attendere il prossimo mese di gennaio". Il 21 novembre è infatti l’ultimo giorno utile per impegnare somme del bilancio del 2003.

Decine di migliaia di domande bocciate. Ciò che emerso fino ad ora è che la maggior parte delle domande pervenute non è stata compilata correttamente. "Alcuni errori sono davvero grossolani - spiega la Di Carlo - e non si è potuto far altro che bocciare la pratica. In altri casi sono state commesse imprecisioni o si è dimenticato qualcosa, e allora si è deciso di consentire l’integrazione delle pratiche. Direi che il 20 per cento delle domande non è recuperabile. Per un 40 per cento invece si può rimediare, ma dovremo scrivere alle famiglie e invitarle a inviarci i documenti mancanti: ciò significa che in questi casi il pagamento slitta almeno a gennaio".
Gli errori più comuni. Un buon venti per cento delle famiglie non ha allegato né la dichiarazione dei redditi (730, 740 o Cud) nè i certificati delle spese sostenute per l’iscrizione dei figli nelle scuole private, oppure ha indicato un reddito incredibilmente elevato: "In tutti questi casi la domanda è stata rigettata" precisa la Di Carlo. Ci sono poi varie dimenticanze: "Molte domande - conclude la Di Carlo - non erano firmate dagli interessati, in altre non erano allegati i documenti che certificano l’iscrizione e la frequenza dei figli a scuola. Oppure c’è chi ha allegato al posto della dichiarazione dei redditi il modello Isee, che era invece necessario per un altro tipo di contributo, l’una tantum, da richiedere a un altro ufficio. In questi casi però consentiremo la correzione". 
 
Fonte: GdS

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

01 novembre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia