L'irresistibile sagra dell'anguria

Domenica a Marsala si rende omaggio al frutto simbolo dell'estate siciliana

06 luglio 2002
Tra gli elementi topici dell'estate siciliana, simbolo di una stagione di vacanza e riposo, con il sole e il mare troviamo sicuramente l'anguria (o come si dice in italiano 'u muluni).

Succosa, dolce ma leggera (è fatta quasi per intero di acqua), gioiosamente colorata, la fettona di anguria rallegra i nostri rientri assetati dal mare, i nostri pomeriggi di canicola estiva, le nostre splendide cene in terrazza tra amici (e antizanzare).

In realtà di angurie non ce n'è una sola varietà: nell'Isola se ne coltivano almeno una decina di tipi, che si distinguono per l'intensità del colore e la forma, oltre che per i nomi fortemente evocativi.
La  qualità invece rimane costante, a ottimi livelli.

La provincia di Trapani è una delle zone della Sicilia dove la coltivazione delle angurie è particolarmente praticata.

Per questo motivo le amministrazioni locali di Marsala e Petrosino, insieme con l'Esa (Ente di Sviluppo Agricolo) che si è attivata per ottenere il riconoscimento del marchio di qualità per le angurie trapanesi, hanno saggiamente deciso di organizzare un'intera giornata dedicata a questo frutto delizioso.

La "Giornata dell'anguria" è in programma per domenica 7 luglio ed è suddivisa in due momenti: al saluto del sindaco, alle 20,30, seguirà un breve intervento "tecnico" per presentare il prodotto. Subito dopo, a partire dalle 21,30, le degustazioni guidate dagli esperti di Slow Food, l'animazione e l'assegnazione di due premi, uno alla migliore azienda produttrice, l'altro allo slogan più simpatico.

La sagra si svolge nel Centro polivalente di Marsala, a breve distanza dal palazzo municipale.

Vi consigliamo di non mancare

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

06 luglio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia