La Mappa italiana dell'acqua

Le percentuali d'erogazione nelle varie regioni che fanno i conti con la grave siccità

11 luglio 2003
Nonostante l'ondata di grande caldo sembri ormai passata, l'Italia sta facendo ancora i conti con una grave siccità.

Riguardo l'acqua potabile, gli ultimi dati statistici risalgono al 1999, anno del rapporto dell'Istat sulla distribuzione dell'acqua potabile in Italia.
Dal rapporto risulta che il 99,5% dei Comuni italiani risulta dotato di reti di distribuzione di acqua potabile e che quelli sprovvisti ricorrono all'auto approvvigionamento.

L'acqua erogata in Italia, cioè misurata presso l'utente finale, ammonta a 5,61 miliardi di metri cubi, il 32% dei quali nel Nord Ovest, il 20% nell' Italia centrale, il 20% al Sud, il 19% nel Nord Est e il 10% nelle Isole.

Le regioni dell'Italia settentrionale presentano un valore pro capite superiore a quello nazionale: nel Nord Ovest, con picchi in Liguria e Valle d'Aosta, 323 litri al giorno, nel Nord Est 268, nel Centro 275, grazie all'alto dato del Lazio con 311 litri, al Sud 214 e in quelle insulari 236, con valori minimi in Puglia, Molise e Campania.

Per l'acqua fatturata per utenze civili il Nord Ovest fattura il 32% del totale nazionale, seguito dal Centro e dal Sud col 20%, dal Nord Est col 17% e dalle Isole col 12%.

Per gli usi civili non domestici prevalgono invece le regioni dell'Italia centrale col 30%, seguite dal Nord Est (22%), dal Nord Ovest (20%), dal Meridione (18%) e dalle Isole (9%).

Fonte: Ansa

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 luglio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia