La Sicilia avrà una sovrintendenza archeologica per il mare

Per il tempestivo soccorso ad un prossimo ''satiro''

10 aprile 2003
Per salvaguardare il ricco patrimonio subacqueo la Sicilia istituirà una sovrintendenza del mare.
Per il tempestivo soccorso ad un prossimo ''satiro''.


La Sicilia avrà una sovrintendenza archeologica del mare.
Lo ha annunciato il presidente della Regione, Salvatore Cuffaro.

L' idea trae spunto dalla ricchezza del patrimonio subacqueo siciliano, testimoniato da numerosi ritrovamenti, tra cui il satiro danzante di epoca tardo ellenistica.

Per l'istituzione della nuova sovrintendenza Cuffaro pensa a una apposita legge che doterà il nuovo organismo di ''strumenti, risorse e poteri adeguati''.

La sovrintendenza dovrebbe sostituire il servizio per il coordinamento delle ricerche archeologiche sottomarine (Scras) di Palermo, struttura dell'assessorato regionale ai Beni culturali.

Attualmente il servizio si avvale dell'apporto di subacquei, archeologi, ingegneri, architetti, ricercatori che partecipano a numerose campagne di ricognizione e recupero di reperti di varie epoche.

Il presidente della Regione ha anche detto che ai beni culturali sarà destinata una parte dei 1500 miliardi di vecchie lire che lo Stato verserà alla Sicilia per la chiusura di un vecchio contenzioso.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

10 aprile 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia